Archivi tag: genesis

Dusk intervista Mike Rutherford & The Mechanics – LEGGI IL SOMMARIO

Ecco il sommario del nuovo numero di Dusk, che, come al solito, ospita interviste esclusive e servizi sulle ultime novità del mondo Genesis. In primo piano: Dusk intervista Mike Rutherford & The Mechanics.

Mike & The Mechanics
Let Me Fly nuovo album e intervista esclusiva
 
Phil Collins
speciale Not Dead Yet Live! 2017
 
Genesis
50 Years Ago - I vecchi-nuovi mix di Jonathan King
 
Ray Wilson
Time And Distance – il nuovo live album
 
Steve Hackett live
 
Intervista esclusiva a Nathan East
 
Anthony Phillips ristampa Slow Dance e intervista esclusiva
 
Paint Your Picture: The Geese & The Ghost di Peter Cross
 
La sala d’attesa – 30 anni di ‘The Waiting Room’
 
Recensioni dischi:
Nad Sylvan, The Watch
Recensioni libri:
Genesis The Uncut Ultimate Music Guide
 
Paulo De Carvalho The Sound Of Steve Hackett

 

Chi non l'avesse già fatto, può iscriversi qui.

 

Salva

Salva

Angolo del Collezionista: Genesis, Nursery Cryme

L'Angolo del Collezionista di Horizons Radio in viaggio nella discografia dei Genesis. Seconda puntata: Nursery Cryme.

 

English Español 中国 РоссияPortuguês

By Antonio Filippi

Nursery Cryme esce il  12 novembre 1971 e, in Inghilterra, in versione Pink Scroll Label della Charisma.  Eccola. Un rotolo di pergamena rosa con la scritta "The Famous Charisma Label". GUARDA SU EBAY LE VERSIONI DA COLLEZIONE DISPONIBILI.

La copertina è apribile e contiene i testi. In Italia è sempre la Philips, come per Trespass, a  mettere sul mercato l'album. La copertina non è apribile ed è lucida.  All'interno la busta contiene i testi. Eccola:

 

ACQUISTA UNA COPIA DA COLLEZIONE SU EBAY

In Italia la distribuzione avviene nel gennaio 1972 e in maggio esce il primo singolo: Happy The Man / Seven Stones

 

COLLEZIONALO SU EBAY

Rare e quindi molto quotate le versioni con etichetta Charisma del singolo. Quella italiana è praticamente introvabile, altre sono più diffuse, come questa:

Clicca qui per COLLEZIONARLA SU EBAY.

Come per i precedenti album, l'edizione russa, arriva dopo la fine dell'era sovietica e già in epoca post-vinile. 

Ascolta l'album:

Se hai informazioni da aggiungere o da rettificare e per qualunque altra comunicazione SCRIVI QUI.

Angolo del Collezionista: Genesis, tutte le versioni di Trespass

L'Angolo del Collezionista di Horizons Radio in viaggio nella discografia dei Genesis. Seconda puntata: Trespass.

English Español 中国 РоссияPortuguês

By Antonio Filippi

In Inghilterra Trespass esce 23 ottobre 1970 in versione Pink Scroll Label della Charisma.  Eccola. Un rotolo di pergamena rosa con la scritta "The Famous Charisma Label". GUARDA SU EBAY LE VERSIONI DA COLLEZIONE DISPONIBILI.

La copertina, apribile, contiene i testi. Esistono, pare, due versioni di questo pack, una ruvida dentro e fuori e l'altra liscia dentro e leggermente ruvida fuori.

Doppia uscita invece in Italia. La prima, molto rara, è del 1971, la seconda, dell'anno successivo, è una ristampa, sempre da Philips e distribuita dalla Phonogram. La copertina non è apribile ed è laminata. In seguito, le ristampe sono su etichetta Charisma.

ACQUISTA UNA COPIA DA COLLEZIONE SU EBAY

Simile alla versione inglese è quella giapponese, guarda:

COLLEZIONALO SU EBAY

Di data incerta - nella copertina c'è un accordo di licenza del 1996 -, come per il precedente From Genesis..., l'edizione russa, arriva dopo la fine dell'era sovietica e già in epoca post-vinile. 

 

Anni 90 anche per l'uscita coreana, copertina apribile, distribuzione Virgin.

 

Ascolta l'album:

Se hai informazioni da aggiungere o da rettificare e per qualunque altra comunicazione SCRIVI QUI.

Angolo del Collezionista: From Genesis To Revelation

L'Angolo del Collezionista di Horizons Radio in viaggio nella discografia dei Genesis. Prima puntata: From Genesis To Revelation.

English Español 中国 РоссияPortuguês

By Antonio Filippi

In Inghilterra From Genesis To Revelation esce nel 1969 in versione mono, etichetta Decca rossa, oggi rarissima. GUARDA LE VERSIONI DA COLLEZIONE DISPONIBILI

E anche in versione stereo con etichetta Decca Blu - ACQUISTA UNA COPIA DA COLLEZIONE SU EBAY

Entrambe le versioni hanno i testi nella confezione, ECCOLI clicca sull'immagine per lo zoom:

In Italia, invece, la prima uscita prevista per il 1969, non è mai avvenuta, anche se esistono copie pronte per la distribuzione, che recano il bollino S.I.A.E. - ACQUISTANE UNA DA COLLEZIONE SU EBAY.

L'album viene distribuito nel 1974, sfruttando il successo ottenuto dai Genesis con Selling England By The Pound

Infatti, in quello stesso periodo esce un 45 giri In The Beginning/The Serpent, tratto appunto da Revelation, solo un mese dopo la pubblicazione del singolo I Know What I LIke, tratto da Selling. Ecco la copertina della prima versione, caratterizzata dalla bizzarra scelta dell'immagine. Infatti non sono i Genesis, quelli raffigurati, ma la band Ten Years After

ACQUISTA UNA COPIA DA COLLEZIONE SU EBAY.

Dall'album è estratto anche il Santo Graal del collezionismo Genesis in assoluto, cioè il primo singolo americano, The Silent Sun/That’s Me su etichetta Parrot nera. E' rimasto praticamente invenduto e poi andato al macero, quindi le copie sono pochissime, rarissime e costosissime (circa 5000 euro). Più facile è trovare il promo, etichetta chiara, dato in omaggio a radio e addetti ai lavori. COLLEZIONA UNA COPIA:

Rara anche la versione russa dell'album, uscita solo nel 1993, dopo la caduta del muro di Berlino quindi, e reperibile solo nei paesi dell'est Europa. La qualità del vinile è ottima ed è molto ambita dai collezionisti.

La Decca quindi si  pentirà di aver scaricato con tanta leggerezza i Genesis e cercherà sempre di sfruttare al massimo le royalties cui ha diritto: per questo sono in circolazione infinite edizioni,  con un diverso ordine dei brani, con diverse copertine e titoli, come In the Beginning - COLLEZIONA.

Tra queste la versione uscita per la collezione "Rock Roots" - COLLEZIONA,  sempre della Decca: contiene tutti i brani dell'LP più i quattro usciti su 45 giri.

Sarà poi riproposta in Germania nel 1981 con il titolo The Silent Sun  sulla copertina di questa versione e' raffigurato un luminoso sole al tramonto.  COLLEZIONA UNA COPIA DI QUESTO ALBUM.

Con il medesimo titolo di From Genesis to Revelation è disponibile invece anche una versione etichetta London specifica per il mercato americano contiene anche i primi pezzi usciti singoli su 45 giri.

GUARDA TUTTE LE VERSIONI DISPONIBILI DELL'ALBUM DA COLLEZIONE

Guarda e ascolta lo speciale di Horizons Radio sull'album:

Ascolta l'album:

Se hai informazioni da aggiungere o da rettificare e per qualunque altra comunicazione SCRIVI QUI.

Genesis, arrivano due edizioni di “The Lamb Book”

Sono in arrivo due edizioni del libro di The Lamb Lies Down On Broadway. Ecco i primi dettagli disponibili.

English Español 中国 РоссияPortuguês

Ci sarà una "Signature Edition", firmata Steve Hackett, numerata e con il nome dell'acquirente, limitata a 350 copie.

L'altra sarà una "Collectors Edition" che può anche essere richiesta in formato limitato e personalizzato.

Il libro si presenta in grande formato, alta qualità della stampa e della carta, per garantire la migliore riproduzione del materiale di archivio, fotografico e altro. Grande spazio ovviamente alle immagini inedite. 

Per vedere in anteprima alcune pagine del libro CLICCA QUI.

Per ogni aggiornamento sull'inizio delle prevendite (imminente), iscriviti alla nostra newsletter:

Horizons Radio News Daily

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Horizons Radio News Weekly

Genesis & Co. News Weekly

Genesis, 11 giugno: una data da ricordare

La data dell'11 giugno di 40 e 10 anni fa è legata, per i Genesis,  a un inizio e a una fine.  Ecco perché.

English Español 中国 РоссияPortuguês

1977, al Palazzo dello Sport di Parigi inizia una serie di cinque concerti che saranno registrati e che faranno parte (tranne The Cinema Show inserita nella versione dell'anno precedente) del doppio album live Seconds Out.

Ecco la registrazione della serata dell'11 giugno:

La line-up:

Phil Collins - lead vocals, drums, percussion;

Steve Hackett - lead guitars, effects;

Mike Rutherford - bass guitar, guitars, bass pedals, backing vocals;

Tony Banks - keyboards, 12 strings guitar, backing vocals;

Chester Thompson - drums, percussion.

Il 12 giugno lo spettacolo è doppio, mentre il 13 viene registrata una parte del concerto dalla Radio francese RTL.  Ecco i 42 minuti andati in onda (notare che, al minuto 38 circa, Phil Collins non ricorda le parole di The Lamb Lies Down On Broadway, ma riprende subito il filo del verso):

Lo show del 14 giugno fornisce gran parte del materiale a Seconds Out. Eccolo:

Ma i Genesis non sanno che questi sono gli ultimi concerti con questa formazione. Steve Hackett ha già deciso di lasciare la band. Come era successo con Peter Gabriel, all'apice del successo e del consenso, arriva una defezione. Guarda la rassegna stampa di questo periodo.

E insieme a lui uscirà di scena dalle scalette dei concerti il grandissimo cavallo di battaglia live Supper's Ready.

Dieci anni fa, l'11 giugno 2007, i Genesis partono da Helsinki con il Turn It On Again Tour. Ascolta:

La line-up:

Phil Collins - lead vocals, drums, percussion;

Mike Rutherford - guitars, bass, backing vocals;

Tony Banks - keyboards, backing vocals;

Daryl Stuermer - guitars, bass, backing vocals;

Chester Thompson - drums, percussion.

Uno show che vede uno dei palcoscenici più avveniristici della storia del rock.

Genesis, Turn it on Again Anatomy of a Tour - CLICCA SULL'IMMAGINE PER COLLEZIONARLO

Guardalo nei video:

Ed ecco un'intervista rilasciata dai Genesis il giorno dopo il primo show del tour:

Una settimana prima, i Genesis si erano sottoposti a una data zero davanti a 250 invitati all'Expo Centre di Bruxelles. Ecco i video di quella prova generale.

Agli addetti ai lavori la band appare subito un po' arrugginita ed è evidente che ha avuto bisogno di rallentare o semplificare alcuni passaggi. Ma il Tour alla fine sarà un successo.  

Con il Turn It On Again Tour  (che il 14 luglio ha toccato Roma), però è calato il sipario sulla gloriosa storia dei Genesis dal vivo.

Guarda uno speciale di MTV Italia:

Genesis, 10 anni fa la data zero del Turn It On Again Tour – GUARDA I VIDEO

Dieci anni fa, il 4 giugno 2007, i Genesis si sottopongono a una data zero del Turn It On Again Tour, davanti a 250 invitati all'Expo Centre di Bruxelles. Ecco i video di quella prova generale.

English Español 中国 РоссияPortuguês

Agli addetti ai lavori la band appare subito un po' arrugginita ed è evidente che ha avuto bisogno di rallentare o semplificare alcuni passaggi. Ma il Tour alla fine sarà un successo.

Il 12 maggio i Genesis avevano ricevuto il VH1 Rock Honors, al Mandalay Bay Resort di Las Vegas negli USA. La loro era stata la prima apparizione pubblica elettrica con Collins da 14 anni. E' infatti dal Cowdray Concert del 18 settembre 1993, ultimo concerto con Phil che non si mostravano insieme.

 

Ecco il video dell'evento, con l'indimenticabile introduzione di Robin Williams:

Con il Turn It On Again Tour  (che il 14 luglio ha toccato Roma) è calato il sipario sulla gloriosa storia dei Genesis dal vivo.

Genesis & Co. a “Obiettivo Rock”, un concerto di immagini

Ci sono anche i Genesis e i loro ex membri tra i grandi della musica mondiale immortalati dai fotografi di Obiettivo Rock, un concerto di immagini, dal 2 giugno al 2 luglio 2017 ad Ameno, in provincia di Novara.

English Español 中国 РоссияPortuguês

By D.B.

"La più grande rassegna fotografica sulla musica Rock", scrive l'organizzatore Massimo Bonelli sulla pagina Facebook dell'evento.

Ed effettivamente, con 11 fotografi coinvolti e oltre 300 immagini, la mostra è un vero e proprio evento. "11 professionisti della fotografia danno vita ad uno straordinario concerto di immagini  - continua Bonelli -. I principali artisti della scena Rock 'suoneranno' per il pubblico attraverso gli scatti di chi li ha immortalati nei momenti storici della loro carriera musicale.

Un vero e proprio happening dove la musica può essere ascoltata, guardata e vissuta, in una colorata fusione tra fantasia e realtà.

Un'esperienza unica, sensoriale, tra fantasia e realtà
Attraverso l'atmosfera più eccitante che il Rock possa offrire", conclude Bonelli.

Ad Ameno (No), borgo sul Lago d'Orta, al Museo Tornielli - piazza Marconi 1, dal 2 giugno al 2 luglio 2017,  apertura ogni sabato e domenica 15:00 - 18:30, ingresso libero, un mese per vedere, tra gli altri anche i Genesis, nonché Peter Gabriel, Phil Collins, Steve Hackett

Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di musica e fotografia. "Uno spettacolo visivo con immagini di artisti, di concerti, di luoghi, oggetti e strumenti della musica", racconta l'organizzatore Massimo Bonelli al bimestrale PROG

Gli obiettivi rock sono quelli di Paolo Brillo, Renzo Chiesa, Jill Furmanovsky, Giovanni Gastel, Bruno Marzi, Massimo Monghini, Moreno Nicoloso, Fabio Nosotti, Graziano Perotti, Rodolfo Sassano e Fabio Treves. Fotografi  che hanno fatto della musica uno dei temi della propria arte.

Massimo Bonelli è l'ex direttore generale della Sony Music, con oltre 30 anni di discografia alle spalle. Al suo attivo ha la mostra “Una Vita tra Pop & Rock” del 2014, opere e merchandising raccolti nei suoi anni di discografia. Nel 2016 ha organizzato la mostra “I Colori del Rock”, con la partecipazione di pittori, grafici, scultori.

Per informazioni: Massimo Bonelli – curatore:  massimo-bonelli@hotmail.it
Manuela Reggiori – ufficio stampa: reggiori.manuela@gmail.com

Strage di Manchester, il pensiero di Genesis & Co.

Strage di Manchester.  Ecco le reazioni di Genesis & Co.

English Español 中国 РоссияPortuguês

Steve Hackett (via Twitter):

"My thoughts are with the people of Manchester in the aftermath of the horrific attack on innocent concert goers. With my warmest wishes to all, Steve"

The Musical Box (via Facebook):

"All our thoughts are with the UK and the population of Manchester. This is beyond words."

 
Genesis Piano Project
Genesis Piano Project  (via Facebook):

""For Absent Friends" We dedicate this to all our dear friends in the UK in the wake of the terrible tragedy in #Manchester, as well as all the other incidents throughout the EU in the past few years. Our hearts go out to all of you! - Angelo and Adam"

Peter Gabriel’s last hurrah – Gli ultimi atti con i Genesis prima dell’abbandono

Il 22 maggio 1975 a Besançon, in Francia, si compie l'ultimo atto di Peter Gabriel con i Genesis. E' il concerto finale del Lamb Tour, visto che la data successiva, a Tolosa, è stata cancellata. Peter ha già deciso di lasciare la sua band. Ecco un ricordo di quei giorni.

English Español 中国 РоссияPortuguês

by D.B.

Peter,

"nei camerini, prima del concerto, suona all'oboe The Last Post di fronte a compagni, manager e tecnici muti e commossi: è la fine di un'era". Da: Genesis in Italia. I concerti 1972-1975 di Mino Profumo

Sorprendentemente, ma teatralmente come da sua indole, Peter suona una nenia funebre dell'esercito inglese per salutare tutti, anche se l'addio ufficiale avverrà il 26 agosto, per mettere a tacere la fuga di notizie che si è scatenata intorno al gruppo, incontrollabile e difficilmente smentibile. 

Colleziona su Ebay gli articoli di quel periodo - Clicca sull'immagine

Peter ha già comunicato ai compagni la sua decisione il 25 novembre 1974 all'Hotel Swingos di Cleveland, in USA, tra le prime tappe del tour. ASCOLTA QUEL CONCERTO:

La band è dapprima incredula, poi sconcertata, quindi preoccupata per proprio futuro.  

Inoltre c'è un tour impegnativo da portare avanti, con brani poco conosciuti dal pubblico - la scaletta prevede tutto The Lamb, uscito solo pochi giorni prima + due bis: The Musical Box  e Watcher Of The Skies, talvolta sostituita da The Knife - e il timore che l'abbandono di Peter potesse trapelare e causare un crollo nella vendita dei biglietti.

A fine luglio 1975 Gabriel consegna alla stampa una dichiarazione. Eccola in versione originale:

I had a dream, eye’s dream. Then I had another dream with the body and soul of a rock star. When it didn’t feel good I packed it in. Looking back for the musical and non-musical reasons, this is what I came up with:

OUT, ANGELS OUT – an investigation.

The vehicle we had built as a co-op to serve our songwriting became our master and had cooped us up inside the success we had wanted. It affected the attitudes and the spirit of the whole band. the music had not dried up and I still respect the other musicians, but our roles had set in hard. To get an idea through “Genesis the Big” meant shifting a lot more concrete than before. For any band, transferring the heart from idealistic enthusiasm to professionalism is a difficult operation. I believe the use of sound and visual images can be developed to do much more than we have done. But on a large scale it needs one clear and coherent direction, which our pseudo-democratic committee system could not provide. As an artist, I need to absorb a wide variety of experiences. It is difficult to respond to intuition and impulse within the long-term planning that the band needed. I felt I should look at/learn about/develop myself, my creative bits and pieces and pick up on a lot of work going on outside music. Even the hidden delights of vegetable growing and community living are beginning to reveal their secrets. I could not expect the band to tie in their schedules with my bondage to cabbages. The increase in money and power, if I had stayed, would have anchored me to the spotlights. It was important to me to give space to my family, which I wanted to hold together, and to liberate the daddy in me. Although I have seen and learnt a great deal in the last seven years, I found I had begun to look at things as the famous Gabriel, despite hiding my occupation whenever possible, hitching lifts, etc. I had begun to think in business terms; very useful for an often bitten once shy musician, but treating records and audiences as money was taking me away from them. When performing, there were less shivers up and down the spine. I believe the world has soon to go through a difficult period of changes. I’m excited by some of the areas coming through to the surface which seem to have been hidden away in people’s minds. I want to explore and be prepared to be open and flexible enough to respond, not tied in to the old hierarchy. Much of my psyche’s ambitions as “Gabriel archetypal rock star” have been fulfilled – a lot of the ego-gratification and the need to attract young ladies, perhaps the result of frequent rejection as “Gabriel acne-struck public school boy”. However, I can still get off playing the star game once in a while. My future within music, if it exists, will be in as many situations as possible. It’s good to see a growing number of artists breaking down the pigeonholes. This is the difference between the profitable, compartmentalized, battery chicken and the free-range. Why did the chicken cross the road anyway? There is no animosity between myself and the band or management. The decision had been made some time ago and we have talked about our new direction. The reason why my leaving was not announced earlier was because I had been asked to delay until they had found a replacement to plug up the hole. It is not impossible that some of them might work with me on other projects. The following guesswork has little in common with truth: Gabriel left Genesis. 1) To work in theatre. 2) To make more money as a solo artist. 3) To do a “Bowie”. 4) To do a “Ferry”. 5) To do a “Furry Boa round my neck and hang myself with it”. 6) To go see an institution. 7) To go senile in the sticks. I do not express myself adequately in interviews and I felt I owed it to the people who have put a lot of love and energy supporting the band to give an accurate picture of my reasons.

I giornali pubblicano la lettera recapitata a mano nelle redazioni.

Colleziona su Ebay gli articoli di quel periodo - Clicca sull'immagine

 

L'agosto successivo i Genesis sono costretti a  far uscire una dichiarazione ufficiale, per integrare quella di Peter.  In questa scrivono che la band è in cerca di un nuovo cantante, che sta componendo un nuovo album e a breve inizierà a inciderlo. Il disco uscirà a Natale e il tour partirà all'inizio dell'anno nuovo.

La notizia provoca uno shock nel mondo musicale e i media iniziano a dare per finita l'esperienza Genesis. Ma, come afferma Gail Colson, per anni sua stretta collaboratrice,

"Tony Stratton-Smith (fondatore e manager della Charisma Records N.d.R) era l'unico che credeva in loro al 100% e prevedeva che sarebbero diventati ancora più grandi senza Peter. Diceva sempre che finché c'erano Tony Banks e le sue melodie, allora c'erano i Genesis". Da: Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel, di Daryl Easlea

Stratt sembra aver ragione. A Trick Of Th Tail, primo album senza Gabriel e con Phil Collins cantante, uscito nel marzo 1976, vende più dei dischi precedenti e spiana ai Genesis la strada del successo e di una carriera lontana dalla fine. Anche se per milioni di fan la band senza Gabriel non è più la loro.

Peter al momento si ritira a vita privata, anche se, come sappiamo, non definitivamente. Ma questa è un'altra storia.

Se hai racconti, ricordi e materiale di questo periodo scrivi a Horizons Radio  Clicca qui

Angolo del Collezionista: