Archivi tag: peter gabriel

Peter Gabriel, tornano in vinile le sue colonne sonore

Peter Gabriel sta per far ri-uscire in vinile le sue colonne sonore: Birdy, Passion e, per la prima volta, La lunga strada verso casa (Long Walk Home).

English Español 中国 РоссияPortuguês

 

 

Lo rivela in esclusiva 

“Ho sempre amato la musica da film”, racconta Gabriel al magazine. “E sono stato fortunato a creare la colonna sonora per tre pellicole molto diverse. Film con storie forti, memorabili prove d'attore e grandi registi come  Alan Parker, Martin Scorsese e Phillip Noyce”.

Il rapporto di Peter con il cinema è molto stretto, dalla London School of Film Technique, frequentata da ragazzo alla mancata collaborazione con William Friedkin. Per non parlare di una versione cinematografica di The Lamb Lies Down On Broadway, da sempre nella mente di Gabriel.

Ho sempre voluto imparare a dirigere un film - rivela a Uncut - così quando Alan Parker mi ha proposto di comporre la colonna sonora di Birdy e entrare in questo mondo, mi sono buttato nell'impresa”.

E' la prima volta che Long Walk Home è disponibile in vinile. ASCOLTA:

Ecco tutte le varie versioni in cui è possibile acquistare gli album.

Peter Gabriel, the First Ever! La prima volta Live da solista

40 anni fa, il 5 marzo 1977, Peter Gabriel torna sul palco, ma in versione solista. Ecco ricordi, suoni e immagini di quel giorno storico al Capitol Theatre di Passaic, New Jersey, USA.

English Español 中国 РоссияPortuguês

Ecco la scaletta (e la registrazione audio di alcuni brani):

Here Comes The Flood 02:00

On The Air 04:45

Moribund The Burgermeister 04:35

Waiting For The Big One 07:59

Why Don't We? 06:59 (brano inedito con idee che tornano in Family Snapshot)

Excuse Me 03:59

Humdrum 03:31

Solsbury Hill 04:39

Ain't That Peculiar? 04:20 (cover)

Song Without Words 03:01 (inedito, che diventerà Indigo)

All Day And All Night 03:37 (cover)

Here Comes The Flood 05:55

Slowburn 05:06

Modern Love 04:20

Down The Dolce Vita 07:55

Back In N.Y.C 05:24 (bis)

Brani tratti dai primi due album di Peter Gabriel (anche se quelli di PG2 sono solo in versione primitiva o embrionale, come abbiamo visto):

E dai Genesis di The Lamb Lies Down On Broadway:

La band:

Tony Levin - basso, Allan Schwartzberg - batteria, Jim Maelen - percussioni, Steve Hunter e Robert Fripp (con l'alias Dusty Rhodes) - chitarre, Larry Fast - sintetizzatori, Phil Aaberg - tastiere.

Guarda le foto sul palco - CLICCA

Curiosità: Mike rutherford e Tony Banck sono presenti al concerto.

Angolo del Collezionista: PG1 RARO (Ebay)- CLICCA

Per approfondire (clicca sull'immagine per acquistarli):

Salva

Salva

Salva

Peter Gabriel e la prefazione del libro sulle copertine di Hipgnosis

Peter Gabriel ha scritto la prefazione del nuovo libro che raccoglie, per la prima volta in un unico volume, tutte le 373 copertine di dischi realizzati dai designers di Hipgnosis. I primi tre album di Peter e alcuni dei Genesis sono presenti nel libro. 

English Español 中国 РоссияPortuguês

Vinyl. Album. Cover. Art è il titolo del libro e lo puoi ordinare su AMAZON.

Fondato nel 1967, il collettivo ha realizzato le più importanti artwork del panorama rock e prog degli anni 70 e 80. Il lavoro di Hipgnosis ha fortemente caratterizzato l'identità visuale degli album di 10cc, AC/DC, Black Sabbath, Peter Gabriel, The Police, Genesis, Led Zeppelin, Pink Floyd, Paul McCartney, Throbbing Gristle e molti altri.

In particolare Hipgnosis ha realizzato le copertine dei primi tre album di Peter Gabriel:

E dei Genesis, da The Lamb Lies Down On Broadway a …And Then There Were Three…

 

Dai Brand X a Mike Rutherford di Smallcreep's Day.

E' la prima volta che il catalogo completo delle opere di Hipgnosis viene pubblicato. Le copertine originali sono state rimasterizzate e presentate in ordine cronologico, così da costituire anche un importante compendio di questo aspetto della musica e del design di quel periodo.

Gli artworks sono commentati dai co-fondatori di Hipgnosis ‘Po’ e Storm Throgerson con, appunto, articoli di Peter Gabriel, Storm Thorgerson, Marcus Bradbury e Harry Pearce.

Vinyl. Album. Cover. Art uscirà il 13 Aprile. Prenotalo QUI.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Peter Gabriel – 40 anni di Car, 25 febbraio 1977

petergabriel1977cdcover-car

40 anni fa, il 25 febbraio 1977, usciva il primo lavoro di Peter Gabriel, dopo il distacco dai Genesis. Ascolta lo Speciale di Horizons Radio sull'album.

Lo speciale di Horizons Radio Tube sull'album di esordio di Peter Gabriel: PG1 detto anche Car, uscito il 25 febbraio 1977.
Non ce l'hai ancora? Clicca e compra Peter Gabriel 1 Car

Salva

Salva

Salva

Peter & Steve, the Age of Aquarius

Cosa hanno in comune Peter Gabriel e Steve Hackett? Entrambi sono nati sotto il segno dell'Acquario. Ma condividono molto di più.

Peter Gabriel with Steve Photo © Maurizio Vicedomini da http://www.hackettsongs.com
Photo © Maurizio Vicedomini da http://www.hackettsongs.com

By Saimon P.

English Español 中国 РоссияPortuguês

Entrambi hanno fatto parte di una delle maggiori band del panorama musicale mondiale e ne sono usciti all'apice del successo.

Entrambi hanno poi realizzato carriere soliste post Genesis di grande successo.

Entrambi fanno tour - Steve incessantemente - solo per amore della musica. Peter ha solcato gli USA insieme a Sting a giugno e luglio 2016 (vedi i video sotto), mentre Steve è di nuovo on the road e sta per arrivare anche in Italia (vedi articolo sotto):

Entrambi intrattengono con il pubblico un rapporto che rasenta la sacralità. Ogni loro concerto è quasi un rito mistico. Guarda:

Entrambi perseguono una ricerca maniacale delle sonorità e introducono riferimenti colti nei loro album (dai tarocchi ai temi politici e ambientali, dai miti dell'antica Grecia all'apartheid).

Entrambi perseguono l'idea di una musica fine a se stessa, slegata dalle logiche di mercato e di profitto, continuando la ricerca iniziata con i Genesis e sviluppata negli anni di carriera solista.

Infine, entrambi condividono la stessa torta, a mezzanotte tra il 12 e 13 febbraio. Ieri Steve:

Oggi, con l'augurio di nuovi progetti sonori e artistici, buon compleanno, Peter!!!!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Dusk intervista Anthony Phillips

Ecco il sommario del nuovo numero di Dusk, che, come al solito, ospita interviste esclusive e servizi sulle ultime novità del mondo Genesis.

Anthony Phillips: 1984 remaster, Private Parts And Pieces V-VIII e intervista esclusiva

Phil Collins: autobiografia e The Singles compilation

Mike & The Mechanics, Steve Hackett e Ray Wilson live e interviste

Peter Gabriel: So, Us, Up in vinile

interviste esclusive a John Goodsall e Tony Banks

Recensioni:
Steve Hackett The Total Experience Live In Japan
Discovering Steve Hackett
Quiet World The Road
Dee Palmer We Know What We Like

Chi non l'avesse già fatto, può iscriversi qui.

Salva

Salva

Peter Gabriel, ecco i nuovi vinili

These 33rpm’s are still Half-Speed Remastered but replicate the original vinyl LP release, with all the albums being single LPs except for US and UP, which are double LPs as per their original release. All original inner bags and inserts are included. The albums also come with a Hi-Res Download Code.

If you already have the recent 45rpm versions, then you probably don’t need these 33rpm versions too, but if you’ve missed out on the vinyl re-issues to date, then here they are, back in stock.

Dal sito PeterGabriel.com

Salva

Peter Gabriel Tribute Band: PG Shots

10993411_1395361260774665_4679481929902836546_n

Pagine multimediali di Horizons Radio sulle Tribute Band dedicate a Genesis & Co. Ecco i PG Shots.

Autopresentazione:

Progetto:

Il progetto nasce nel 2014, dalla passione comune per Peter Gabriel, straordinario artista che nella musica ha sempre espresso visione, immaginazione, ricerca, raffinati arrangiamenti e una ineguagliabile ed eccezionale vocalità.
L'idea muove anche dall'esigenza di colmare un vuoto, nella consapevolezza che, ad oggi ed a quanto consta, nel panorama cagliaritano e sardo in generale, nessuna band si è dedicata in modo esclusivo a rendere tributo al grande Peter Gabriel.
"Un motivo ci sarà!!!!" potrebbe obiettare qualcuno. Si, non c'è dubbio che il progetto sia ambizioso forse, per qualche purista, persino velleitario. Noi però ci siamo preparati a lungo, con grande rispetto e umiltà, spinti dalla consapevolezza che la passione avrebbe sopperito ai limiti...e crediamo di esserci riusciti.
Sapevamo sarebbe stato assai pretenzioso pensare di riprodurre in modo maniacale e con un approccio quasi filologico il variegato repertorio dell'artista, che spazia dai primi dischi solisti anni '70, in cui era ancora predominante lo schema "rock" tradizionale, pur raffinatissimo nella composizione, ai dischi del primo lustro degli anni '80, marcati dalla ricerca, dalla sperimentazione e dalla contaminazione con i ritmi tribali africani e il particolare utilizzo della drum machine e della batteria, sino alla consacrazione con il disco "SO" in cui sono contenuti i brani più conosciuti di Peter ed in cui ritorna predominante la melodia, per poi entrare negli anni '90 come capostipite della World music, in cui oltre i ritmi vengono utilizzati gli strumenti e le melodie della musica del terzo mondo, per poi concludere il percorso di ricerca approdando in questo secolo con un disco che si pone come sintesi.
Per questa ragione, abbiamo voluto mantenerci fedeli alla spirito ed all'essenza compositiva dei brani, evidenziando il tratto di volta in volta caratterizzante senza preoccuparci di riprodurre ogni singola nota di ogni singolo strumento, il che peraltro avrebbe implicato fare un uso massiccio di basi presenti anche negli originali.
Insomma consapevoli della complessità del progetto abbiamo voluto catturare l'essenza dei brani come dei fermo immagine, delle istantanee in cui ci si sofferma sul dettaglio rilevante lasciando fuori tutto quello che nell'immagine è superfluo...di qui il nome PG Shots...istantanee di Peter Gabriel...

Repertorio:

Abbiamo costruito il repertorio cercando di rappresentare l'intero percorso musicale di Peter e quindi proponiamo brani da ogni suo disco solista. Abbiamo attinto in particolare dai suoi dischi live più rappresentativi che sono "Plays live" e "Secret World".
Suoniamo molti dei suoi brani più conosciuti da "Here comes the flood" a "Solsbury hill" da "Sledgehammer" a "Shock the monkey" da "Don't give up" a "Secret World" da "Family snapshot" a "In your eyes" da "Red Rain" a "Games without frontiers" più alcune chicche come Darkness, Mother of violence, On the air..

La band:

Paolo Carta: batteria, percussioni e cori
Paolo è un fantastico batterista che per hobby lavora in banca. Ha militato in diverse band dell'oristanese, facendosi buona fama come gran pestatore di piatti e tamburi, per il suo drumming solido e deciso.

Alberto Chicca: basso 4, 5 e 6 corde, contrabasso elettrico selfmade, cori
E' il nostro "Mr. Cameraman" per via del suo "hobby" di dipendente di Videolina. Grande passione per Peter di cui conosce il repertorio in maniera quasi maniacale. Suona tutto quello che rende frequenze basse, anche handmade.

Cristian Sarigu: tastiere, sinth, sequencer programming
già tastierista dei V.A.R., è un musicista di vero talento, sempre a suo agio sul palcoscenico: non disdegna, per giungere al clima giusto, la bevuta di un buon paio di birre. Impareggiabile orecchio assoluto e grande versatilità.

Massimo Cambule: chitarre acustiche, chitarre elettriche, voce solista
ha il peso più grave e quasi impossibile di dover rendere l'espressività della voce di Peter che è inimitabile e come se non bastasse deve far collimare il canto con le parti di chitarra ed i cambi di effetti nella pedaliera. Ma ci riesce. Oh, se ci riesce.

Pagina Facebook

Guarda i video

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Peter Gabriel Tribute Band: The Monkey Shock

monkey

Pagine multimediali di Horizons Radio sulle Tribute Band dedicate a Genesis & Co. Ecco i Monkey Shock.

Foto di un concerto (dalla Pagina Facebook):

15259212_1043613805784553_8565488532316552957_o 15267987_1043617002450900_3070409977959026161_n

THE MONKEY SHOCK:

Steve Sangermano (lead vocal)
Max Marini (guitars)
Manuel Moorg (piano, keyboards, computer)
Gabriele Cipollini (bass)
Enrico Rossetti (drums and percussion)
Sara Sangermano (backing vocal)

Pagina Facebook

Ascolta la Playlist di Horizons Radio:

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva