Archivio mensile:Maggio 2017

Ray Wilson live: ecco “Time and Distance” – COMPRA

Ray Wilson, il nuovo Live album "Time and Distance" è uscito.

CLICCA QUI E COMPRALO ORA

Gli altri album di Ray: [amazon_link asins='B01I4AEDO6,B01EAERPO0,B00TENWMYQ,B005HLJGU2,B00OLUQXKQ,B00IAC4WB8,B00IAC4TL6,B0026MF4AQ' template='ProductCarousel' store='horiradi-21' marketplace='IT' link_id='f7f6ab3e-4062-11e7-95a2-dfad8c6ad370']

Strage di Manchester, il pensiero di Genesis & Co.

Strage di Manchester.  Ecco le reazioni di Genesis & Co.

[glt language="English" label="English"] [glt language="Spanish" label="Español"] [glt language="Chinese (Simplified)" label="中国"] [glt language="Russian" label="Россия"][glt language="Portuguese" label="Português"]

Steve Hackett (via Twitter):

"My thoughts are with the people of Manchester in the aftermath of the horrific attack on innocent concert goers. With my warmest wishes to all, Steve"

The Musical Box (via Facebook):

"All our thoughts are with the UK and the population of Manchester. This is beyond words."

 
Genesis Piano Project
Genesis Piano Project  (via Facebook):

""For Absent Friends" We dedicate this to all our dear friends in the UK in the wake of the terrible tragedy in #Manchester, as well as all the other incidents throughout the EU in the past few years. Our hearts go out to all of you! - Angelo and Adam"

Peter Gabriel’s last hurrah – Gli ultimi atti con i Genesis prima dell’abbandono

Il 22 maggio 1975 a Besançon, in Francia, si compie l'ultimo atto di Peter Gabriel con i Genesis. E' il concerto finale del Lamb Tour, visto che la data successiva, a Tolosa, è stata cancellata. Peter ha già deciso di lasciare la sua band. Ecco un ricordo di quei giorni.


EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais


by D.B.

Peter,

"nei camerini, prima del concerto, suona all'oboe The Last Post di fronte a compagni, manager e tecnici muti e commossi: è la fine di un'era". Da: Genesis in Italia. I concerti 1972-1975 di Mino Profumo

Sorprendentemente, ma teatralmente come da sua indole, Peter suona una nenia funebre dell'esercito inglese per salutare tutti, anche se l'addio ufficiale avverrà il 16 agosto, per mettere a tacere la fuga di notizie che si è scatenata intorno al gruppo, incontrollabile e difficilmente smentibile. 

Colleziona su Ebay gli articoli di quel periodo - Clicca sull'immagine

Peter ha già comunicato ai compagni la sua decisione il 25 novembre 1974 all'Hotel Swingos di Cleveland, in USA, tra le prime tappe del tour. ASCOLTA QUEL CONCERTO:

La band è dapprima incredula, poi sconcertata, quindi preoccupata per proprio futuro.  

Inoltre c'è un tour impegnativo da portare avanti, con brani poco conosciuti dal pubblico - la scaletta prevede tutto The Lamb, uscito solo pochi giorni prima + due bis: The Musical Box  e Watcher Of The Skies, talvolta sostituita da The Knife - e il timore che l'abbandono di Peter potesse trapelare e causare un crollo nella vendita dei biglietti.

Il 16 agosto 1975 Gabriel consegna alla stampa una dichiarazione. Eccola in versione originale:

I had a dream, eye’s dream. Then I had another dream with the body and soul of a rock star. When it didn’t feel good I packed it in. Looking back for the musical and non-musical reasons, this is what I came up with:

OUT, ANGELS OUT – an investigation.

The vehicle we had built as a co-op to serve our songwriting became our master and had cooped us up inside the success we had wanted. It affected the attitudes and the spirit of the whole band. the music had not dried up and I still respect the other musicians, but our roles had set in hard. To get an idea through “Genesis the Big” meant shifting a lot more concrete than before. For any band, transferring the heart from idealistic enthusiasm to professionalism is a difficult operation. I believe the use of sound and visual images can be developed to do much more than we have done. But on a large scale it needs one clear and coherent direction, which our pseudo-democratic committee system could not provide. As an artist, I need to absorb a wide variety of experiences. It is difficult to respond to intuition and impulse within the long-term planning that the band needed. I felt I should look at/learn about/develop myself, my creative bits and pieces and pick up on a lot of work going on outside music. Even the hidden delights of vegetable growing and community living are beginning to reveal their secrets. I could not expect the band to tie in their schedules with my bondage to cabbages. The increase in money and power, if I had stayed, would have anchored me to the spotlights. It was important to me to give space to my family, which I wanted to hold together, and to liberate the daddy in me. Although I have seen and learnt a great deal in the last seven years, I found I had begun to look at things as the famous Gabriel, despite hiding my occupation whenever possible, hitching lifts, etc. I had begun to think in business terms; very useful for an often bitten once shy musician, but treating records and audiences as money was taking me away from them. When performing, there were less shivers up and down the spine. I believe the world has soon to go through a difficult period of changes. I’m excited by some of the areas coming through to the surface which seem to have been hidden away in people’s minds. I want to explore and be prepared to be open and flexible enough to respond, not tied in to the old hierarchy. Much of my psyche’s ambitions as “Gabriel archetypal rock star” have been fulfilled – a lot of the ego-gratification and the need to attract young ladies, perhaps the result of frequent rejection as “Gabriel acne-struck public school boy”. However, I can still get off playing the star game once in a while. My future within music, if it exists, will be in as many situations as possible. It’s good to see a growing number of artists breaking down the pigeonholes. This is the difference between the profitable, compartmentalized, battery chicken and the free-range. Why did the chicken cross the road anyway? There is no animosity between myself and the band or management. The decision had been made some time ago and we have talked about our new direction. The reason why my leaving was not announced earlier was because I had been asked to delay until they had found a replacement to plug up the hole. It is not impossible that some of them might work with me on other projects. The following guesswork has little in common with truth: Gabriel left Genesis. 1) To work in theatre. 2) To make more money as a solo artist. 3) To do a “Bowie”. 4) To do a “Ferry”. 5) To do a “Furry Boa round my neck and hang myself with it”. 6) To go see an institution. 7) To go senile in the sticks. I do not express myself adequately in interviews and I felt I owed it to the people who have put a lot of love and energy supporting the band to give an accurate picture of my reasons.

I giornali pubblicano la lettera recapitata a mano nelle redazioni.

Colleziona su Ebay gli articoli di quel periodo - Clicca sull'immagine

Il 26 agosto, quindi, i Genesis sono costretti a  far uscire una dichiarazione ufficiale, per integrare quella di Peter.  In questa scrivono che la band è in cerca di un nuovo cantante, che sta componendo un nuovo album e a breve inizierà a inciderlo. Il disco uscirà a Natale e il tour partirà all'inizio dell'anno nuovo.

La notizia provoca uno shock nel mondo musicale e i media iniziano a dare per finita l'esperienza Genesis. Ma, come afferma Gail Colson, per anni sua stretta collaboratrice,

"Tony Stratton-Smith (fondatore e manager della Charisma Records N.d.R) era l'unico che credeva in loro al 100% e prevedeva che sarebbero diventati ancora più grandi senza Peter. Diceva sempre che finché c'erano Tony Banks e le sue melodie, allora c'erano i Genesis". Da: Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel, di Daryl Easlea

Stratt sembra aver ragione. A Trick Of Th Tail, primo album senza Gabriel e con Phil Collins cantante, uscito nel marzo 1976, vende più dei dischi precedenti e spiana ai Genesis la strada del successo e di una carriera lontana dalla fine. Anche se per milioni di fan la band senza Gabriel non è più la loro.

Peter al momento si ritira a vita privata, anche se, come sappiamo, non definitivamente. Ma questa è un'altra storia.

Se hai racconti, ricordi e materiale di questo periodo scrivi a Horizons Radio  Clicca qui

Angolo del Collezionista:

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Peter Gabriel, il messaggio VIDEO per il 25.mo anniversario di WITNESS

Peter Gabriel ha fondato WITNESS nel 1992 con "Human Rights First" e "Reebok Human Rights Foundation". Ecco il suo messaggio per il 25.mo anniversario. GUARDA IL VIDEO:

[glt language="English" label="English"] [glt language="Spanish" label="Español"] [glt language="Chinese (Simplified)" label="中国"] [glt language="Russian" label="Россия"][glt language="Portuguese" label="Português"]

A 25 anni compiuti, l'organizzazione ha un'agenda ambiziosa: rendere possibile per ognuno e ovunque utilizzare video e tecnologie per proteggere e difendere i diritti umani.

L'11 maggio scorso WITNESS ha festeggiato il 25.mo anniversario con un appuntamento benefico a New York City.

In questo video-messaggio, Peter ricorda le conquiste del passato e guarda al futuro, come WITNESS si impegnerà nel supporto alla lotta per i diritti umani.

Ecco un video che ricorda i 25 anni di WITNESS:

Steve Hackett, finita la prima parte del Tour: ecco tutti i video

Si è conclusa la prima parte del Genesis Revisited & Hackett Classics 2017 tour. Ecco tutti i video dai concerti postati sui social.

[glt language="English" label="English"] [glt language="Spanish" label="Español"] [glt language="Chinese (Simplified)" label="中国"] [glt language="Russian" label="Россия"][glt language="Portuguese" label="Português"]

 

Salva

Sono in vendita i biglietti per le date italiane estive del Genesis Revisited & Hackett Classics 2017 tour di Steve Hackett. 

4 luglio Vigevano  - Castello Sforzesco, Piazza Ducale - COMPRA I BIGLIETTI SU TICKETONE 

5 luglio Lignano Sabbiadoro - Beach Arena

7 luglio Pescara - Auditorium G. D’Annunzio - COMPRA I BIGLIETTI  SU TICKETONE

8 luglio Sogliano al Rubicone (Forli-Cesena) - Piazza Matteotti - COMPRA I BIGLIETTI SU TICKETONE

 

Dopo il sold out del tour italiano di marzo/aprile, Steve raddoppia e torna in concerto a luglio. 

Horizons Radio ha incontrato Steve Hackett. Ci ha parlato del nuovo album, che sta scalando onorevolmente le classifiche e come viene accolto dal pubblico nei concerti. La parte italiana del tour vista da Steve. E quel brano di Bob Dylan che....

Ecco l'intervista di Giorgio Bellocci a Steve Hackett prima del live applauditissimo a Legnano (Milano) il 30 marzo 2017. GUARDA:

Leggi anche l'intervista esclusiva a Jo, l'altra metà di Steve:

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Peter Gabriel, il compleanno di So

Peter Gabriel - So

Compleanno di So, l'album che, uscito il 19 maggio 1986, ha regalato a Peter Gabriel il successo mondiale totale,  non ancora arrivato con i primi quattro dischi.

Ecco 10 elementi che raccontano la svolta di Peter.


EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais


by Eugenio Delmale

1. Dopo quattro album in cui tutti i piatti della batteria erano spesso banditi, Red Rain, che apre So, inizia proprio con una spiazzante reintroduzione dei "metalli" inutilizzati. Una significativa rottura con il passato, forse a voler dimostrare che l'autore è un Peter Gabriel nuovo. Il primo suono del brano, infatti, è quello del charleston e dei piatti di Stewart Copeland dei Police, uno dei tanti collaboratori illustri di questo disco.

2. Difficile da credere, ma Sledgehammer è stata inserita nell'album solo all'ultimo momento ed è nata quasi per caso, da un'idea che girava in testa a Peter, ma che non era stata ancora sviluppata, anche se le registrazioni del disco erano quasi ultimate. La sezione ritmica è nata per prima, creata dal nuovo batterista Manu Katché e da Tony Levin al basso, poi la chitarra di Daniel Lanois (altra novità, soprattuto in veste di produttore), infine la sezione di fiati dei Memphis Horns. Il titolo deriva dalle metafore di tipo edile usate da Gabriel e Lanois in sala di incisione. Il singolo arriva quarto in UK e primo in USA, scalzando proprio Invisible Touch dei Genesis. E il video del brano è da record. Leggi QUI l'articolo di Horizons Radio.

3. Riporta Mario Giammetti (in Peter Gabriel. Not one of us, Ed. Segno), che il caratteristico suono del basso di Tony Levin in Don't Give Up, deriva dall'uso dei pannolini della figlia, per ottenere quel tono ovattato. La voce femminile doveva essere inizialmente quella di Dolly Parton, star del country americano, la quale non accetta. Così Gabriel si rivolge a Kate Bush, rimanendo molto soddisfatto. Anche se, scrive Gabriel nelle note di copertina dell'album, restano le radici "gospel/country (...) nel fantastico modo di suonare il pianoforte di Richard Tee". Questo inno alla possibilità di superare gli ostacoli ha aiutato tante persone. "Gabriel ha dichiarato che una ben nota rockstar e un attore comico gli hanno entrambi confessato che la canzone li ha convinti a rinunciare al suicidio". (Daryl Easlea, Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel, Ed. Arcana)

4. Insolitamente il testo di That Voice Again è scritto insieme a David Rhodes, il quale, con Gabriel e Lanois, è il terzo artefice principale del disco. Una soluzione cui è dovuto ricorrere il produttore canadese, visto che Peter non si decideva a ultimare le liriche della canzone. E' possibile che Gabriel non riuscisse ad andare avanti per il tema del brano, che fa riferimento alla sua crisi coniugale del momento con Jill. Dopo 10 anni ("per non creare connessioni con i Genesis", ha raccontato alla rivista italiana Ciao 2001), torna nella musica del cantante la chitarra 12 corde, suonata da Lanois. Come accade rarissimamente, il brano inizia con il ritornello.

5. In Your Eyes vede la partecipazione di vari coristi tra i quali Jim Kerr dei Simple Minds e soprattutto il cantante senegalese Youssou N'Dour, che qui canta in lingua wolof. E' verosimilmente una dichiarazione d'amore per Rosanna Arquette, l'attrice americana conosciuta la sera del concerto Six of the Best (leggi e ascolta lo speciale di Horizons Radio). In crisi con Jill da anni, Peter aveva un strana relazione con lei. Sicuramente è la prima canzone d'amore diretta composta da Gabriel nella sua carriera da solista. E dire che inizialmente si intitolava Sagrada Familia ed era ispirata alla Cattedrale di Barcellona e al suo creatore, Antoni Gaudì.

6. Varie voci di Peter sovraincise contribuiscono alla bellezza toccante di Mercy Street. Tra queste, una particolarmente bassa è stata registrata alle sette del mattino, per ottenere un cupezza naturale. Le percussioni sono del brasiliano Djalma Correa, registrate da Gabriel a Rio de Janeiro. Il meraviglioso lavoro al basso è di Larry Klein. Benchè ufficialmente ispirata all'opera quasi omonima della poetessa americana Anne Sexton, Mario Giammetti (in Peter Gabriel. Not one of us, Ed. Segno) riporta un episodio, raccontato dallo stesso Gabriel, che potrebbe aver influenzato il testo: un atterraggio di fortuna, proprio del volo per il Brasile, preso per incontrare Correa.

7. Una prima versione di Big Time, con il titolo Success era stata registrata ai tempi di Security. Terzo singolo dell'album, ha raggiunto l'ottavo posto in classifica negli Stati Uniti, dove apprezzavano il clima funky del brano e la sua filosofia, così vicina al sogno americano, anche se declinata con ironia. Fondamentale nel brano è la drumstick bass guitar, suonata da Tony Levin, che preme le corde, e da Jerry Marotta, che le percuote, ottenendo quel sound caratteristico della parte ritmica, abbinato alla batteria di Stewart Copeland.

8. Registrata originariamente per Melt, poi candidata a entrare in Security, We Do What We're Told (Milgram's 37) è diversa dalle altre tracce del disco, visto che arriva da tempi musicalmente remoti per Peter. Suonata in tour sin dal 1980, infatti, era una vecchia conoscenza dei fan della prima ora. "Sta lì a dimostrare al suo nuovo pubblico che se Gabriel voleva poteva essere ancora inquietante e disturbante". (Daryl Easlea, Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel, Ed. Arcana).  Il testo è notoriamente basato su un esperiemento che dimostrava scientificamente la "banalità del male" nazista, tema utilizzato anche dai Genesis nel brano Just A Job To Do (Album Genesis).

9. Il vinile termina con Milgram, ma non le versioni su cassetta e CD, chiuse da This Is The Picture (Eccellent Birds) - e, nelle rimasterizzazioni, da In Your Eyes -, variazioni dettate dall'ossessione di Gabriel per la sequenza dei brani e per la buona miscela tra code e attacchi degli stessi. Inserire This Is The Picture è stata una scelta singolare, visto che, composta con Laurie Anderson,  faceva già parte dell'album dell'artista americana di due anni prima Mister Heartbreak, in una versione diversa e con il titolo Eccellent Birds. Gabriel l'ha voluta temendo di non avere abbastanza materiale, altra bizzarria, visto che disponeva di brani già completi e inediti come Don't Break This Rhythm o Curtains, che invece diventeranno il lato B dei singoli Sledgehammer e Big Time.

10. Infine la copertina e il titolo So. Sorprendentemente l'album esce con una confezione esteriormente normale, con un bel ritratto di Peter realizzato da Trevor Key e nessuna delle stranezze formali presenti in quelle precedenti. Per la prima volta, inoltre, Peter decide di utilizzare un titolo. La rivista Rolling Stone gli ha chiesto il perché. "Il nuovo album ha un titolo universale, - risponde Gabriel -, così la gente non rischierà di comprare due volte lo stesso disco. Sono molto contento di averlo fatto, perché è in linea con il piccolo cambiamento dello stile; volevo che l'album fosse elementare, vivo, naturale". (Cit. in Daryl Easlea, Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel, Ed. Arcana). Al grande successo del disco ha contribuito il video di Sledgehammer, oggetto di un altro articolo di Horizons Radio - LEGGILO QUI. Ecco come Stephen R. Johnson e Peter Gabriel hanno realizzato questo e i successivi.

© Horizons Radio. Riproduzione riservata.

Non hai ancora So di Peter Gabriel? CLICCA QUI E COMPRALO
Qual è il migliore album di Peter Gabriel? CLICCA QUI E DI' LA TUA

Anthony Phillips, in arrivo nuove (e gustose) ristampe – PRENOTA

Anthony Phillips manda in ristampa una serie di chicche. Ecco la programmazione delle uscite:

[glt language="English" label="English"] [glt language="Spanish" label="Español"] [glt language="Chinese (Simplified)" label="中国"] [glt language="Russian" label="Россия"][glt language="Portuguese" label="Português"]

Il 16 giugno arriva Slow Dance (3 CD) in versione Cofanetto, CD+DVD, Doppio CD, registrazione originale rimasterizzata mix in 5.1. 

PRENOTALO SU AMAZON

Arriva a settembre Invisible Men, in doppia versione e un intero CD bonus di materiale inedito.

GUARDA SU AMAZON SE E' GIA' PRENOTABILE

A dicembre arriva il terzo cofanetto di Anthony Phillips con gli album della serie "Private Parts & Pieces". Stavolta i volumi sono 9, 10, 11 e un dodicesimo tutto nuovo la 12 corde grande protagonista.

TIENI D'OCCHIO SE E' PRENOTABILE SU AMAZON

E' di nuovo disponibile The Meadows Of Englewood Anthony Phillips & Guillermo Cazenave, nell'edizione doppia (CD+DVD), in occasione del XV anniversario del 2012.

CLICCA QUI PER ACQUISTARLA SUL SITO DI CAZENAVE 

CLICCA QUI PER SCARICARE GLI MP3 DA AMAZON

Le ultime uscite sono state: il cofanetto "1984" in 2CD/DVD formato digipak con 5.1-mix e bonus tracks (per i dettagli clicca qui).

E il secondo cofanetto della serie "Private Parts & Pieces" (per acquistarlo clicca qui).

I primi quattro album di questa serie sono usciti nel 2015 (per i dettagli clicca qui).

Nel cofanetto "Private Parts & Pieces V-VIII" troviamo gli album V: Twelve, VI: Ivory Moon, VII: Slow Waves, Soft Stars e VIII: New England.

In più, un bonus CD con materiale rimasto inedito da molti anni.

 

MIKE + THE MECHANICS: il video di ‘The Best Is Yet To Come’ – GUARDA

MIKE + THE MECHANICS: ecco il video di ‘The Best Is Yet To Come’:

[glt language="English" label="English"] [glt language="Spanish" label="Español"] [glt language="Chinese (Simplified)" label="中国"] [glt language="Russian" label="Россия"][glt language="Portuguese" label="Português"]

Mike + The Mechanics saranno live a Milano lunedì 11 settembre 2017, ore 21.00 all'Alcatraz.

La band arriva in concerto per presentare il nuovo album Let Me Fly. Acquista il tuo biglietto.


MIKE + THE MECHANICS il nuovo album "Let Me Fly" (COMPRALO SU AMAZON) in uscita il 7 Aprile.

Ascolta l'album:

Tracklist:

Let Me FlyLet Me Fly
Are You Ready
Wonder
The Best Is Yet To Come
Save The World
Don't Know What Came Over Me
High Life
The Letter
Not Out Of Love
Love Left Over
I'll Be There For You
Save My Soul
Links:
Official Website
Tourdates 2017: Word of Mouth Tour

Genesis 1987, i concerti di Roma e Milano – LEGGI e GUARDA I VIDEO

Trent'anni fa il 17 maggio 1987 i Genesis sono in concerto a Roma e due giorni dopo a Milano. Ecco un ricordo di quei giorni.


EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais


by D.B.

Alle 17.30 di domenica 17 maggio si aprono i cancelli dello Stadio Flaminio di Roma. Lo spettacolo è previsto per le 19 - come si vede nel biglietto qui sopra -, ancora con la luce diurna.

Il supporter è Paul Young, il quale viene letteralmente bersagliato da ogni tipo di oggetti, evidenziando la scelta poco felice dell'abbinamento. La gente vuole ascoltare solo i Genesis.

Il concerto ha svariate coperture mediatiche. Radio RAI fa uno speciale, con un po' di brani registrati a Malaga, una settimana prima, e la diretta dal Flaminio. Difficile ricostruire se è stato trasmesso anche lo show milanese. Anche Radio Centofiori, emittente fiorentina legata al P.C.I. dedica molto spazio all'evento.  In Tv va in onda un servizio del TG1 intitolato "Il Rock è luce".

Al contrario di Milano, come vedremo, non ci sono video o registrazioni audio su YouTube - le poche realizzate, vista la stretta sorveglianza su macchine fotografiche e altro, restano private al momento - ma ecco alcune foto tratte da Genesis The Movement - 1 e 2.

Ecco la scaletta, come riportata dal sito sopra citato:

Mama 07:13
Abacab 08:39
Phil Speaking In Italian 02:13
Domino 11:22
That’s All 05:21
The Brazilian 05:08
Phil Speaking In Italian 01:26
In The Cage Medley 07:59
In That Quiet Earth 04:22
Afterglow 04:28
Land Of Confusion 05:09
Phil Speaking In Italian 01:32
Tonight Tonight Tonight 09:05
Throwing It All Away 06:26
Phil Speaking In Italian 02:19
Home By The Sea 11:31
Invisible Touch 04:52
Drum Duet 05:52
Los Endos 06:08
Turn It On Again 12:45

Il gruppo inizia con due cavalli di battaglia del nuovo corso, di ottimo livello e collaudati, che costituiscono una potente apertura del concerto (Mama e Abacab). Guarda il video dal Live di San Siro a Milano:

Tra i nuovi brani funzionano bene Domino e The Brazilian, anche se alleggeriti da brani come That's All. Guarda il video dal Live di Milano:

Tra i classici, invece, ultimo tour per In The Cage, che si abbina in medley con In That Quiet Earth e va a sfociare in Afterglow. Guarda il video dal Live di Milano:

Purtroppo da questo medley esce per sempre Apocalipse in 9/8, rimasuglio della gloriosa Supper's Ready. Quando lo show arriva in Italia, non c'è più traccia di questo cavallo di battaglia dei live dei Genesis e capolavoro amatissimo dai fan, richiesto a gran voce in ogni concerto. La causa: lo sforzo che richiede alla voce di Phil Collins. Ecco come si presentava nella parte americana del tour il medley Cage-Quiet-Apocalipse. ASCOLTA:

E a proposito di variazioni, ecco come veniva eseguito, nella parte Australiana del tour, un brano fuori scaletta:  Your Own Special Way, con l'accompagnamento della "Invisible String Section", costituita da orchestre locali a seconda delle città, come da legge del posto. ASCOLTA:

Indimenticabile poi il drum duet di Phil e Chester Thompson (che, come è noto, con Daryl Stuermer da anni accompagna in tour i Genesis), in cui i due, ormai affiatatissimi, sono sincronizzati come due orologi. Eccolo tratto dallo  show dello Stadio Wembley ai primi di luglio. ASCOLTA:

Clicca qui o sulle immagini e COMPRA IL DVD del concerto di Wembley:

E, dal concerto di Milano, ecco il finale. ASCOLTA:

 Altro materiale video sull'Invisible Touch Tour

Se hai ricordi, racconti, materiali di questi due concerti e vuoi condividerli con Horizons Radio scrivi qui.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

HR Press Review – Mike Rutherford: “My six best albums”