From Genesis to Revelation, le curiosità

From Genesis To Revelation è l'album di esordio dei Genesis, uscito il 7 marzo 1969. Ecco alcune curiosità legate al primo lavoro della band.

FromGenesistoRevelation

Guarda lo speciale di Horizons Radio Tube:

Dopo aver inciso due 45 giri con Chris Stewart alla batteria (The Silent Sun/That's Me e A Winter's Tale/One-Eyed Hound), nell'estate del 1968 la band entra in studio per preparare From Genesis To Revelation, approfittando delle vacanze estive dal college. A Stewart è nel frattempo subentrato Jonathan Silver. E' il produttore Jonathan King a operare l'avvicendamento alla batteria. Il compito di dare il triste benservito a Chris tocca all'amico Mike Rutherford, ma non deve faticare troppo. Stewart sa di non essere all'altezza della situazione. “Non piacevo a Jonathan King e lui non piaceva a me, – ha dichiarato -. E’ stato lui che mi ha fatto buttare fuori dalla band, il che era comunque la cosa giusta da fare perché io non ero un bravo batterista”. (da Mario Giammetti, Genesis. Il fiume del costante cambiamento, Editori riuniti)

 

Nell’ultima strofa di Where The Sour Turns To Sweet troviamo anche un primo riferimento alle velleità da trasformista di Peter... Paint your face all whitTo show the peace inside [...] Dipingiti il viso tutto di bianco Per mostrare la pace che hai dentro [...] ... Già ai tempi della scuola, il futuro frontman dei Genesis amava infatti stupire i compagni con iniziative stravaganti. Ce lo ricorda anche Anthony Phillips: "A Peter piaceva qualsiasi cosa: era un ragazzo intelligente, aveva certi cappelli fatti da Dunns [...] Tutti compravano i suoi cappelli. Tingeva anche le magliette, alla Charterhouse: le nostre maglie bianche diventavano turchesi. Un uomo colorito, Peter. E aveva sempre un sacco di trovate creative". (da Giovanni De Liso, Genesis. Once upon a time. Testi commentati (1969-1974), Arcana Ed.)

 

In realtà sono pochi i brani in cui sono presenti riferimenti biblici diretti. I Genesis infatti si prendono alcune pause dal concept con canzoni d'amore (One Day, Silent Sun), temi introspettivi (Am I Very Wrong?, In Limbo), ambientazione quasi western (The Conqueror).

 

A causa di una disputa sul nome Genesis, utilizzato all'epoca anche da una band californiana, il produttore Jonathan King fa pubblicare il disco con la copertina completamente nera e senza il nome del gruppo. Così  alcuni negozi espongono l'album nelle sezioni di musica religiosa.

 

Il serpente tentatore e l'Eden perduto del brano, appunto The Serpentsono destinati a tornare nelle canzoni dei membri dei Genesis, anche nella loro carriera da solisti: "nella mente di Peter Gabriel l’immagine di questo luogo rimarrà forte, tanto che il cantante la recupererà nel 1993 per il suo album solista Us, quando, accompagnato dalla voce suadente di Sinead O’Connor, intonerà: “In the blood of Eden lays a woman and a man / With the man in the woman and the woman in the man”. Il mito del serpente tentatore sarebbe stato ripescato in un lavoro di Tony Banks (Strictly Inc., del 1995) dove figura un brano intitolato The Serpent Said; ma soprattutto era già comparso nel 1974 in un brano tratto da The Lamb Lies Down On Broadway dedicato ad alcune figure mitologiche per metà donna e per metà serpente: il pezzo si chiamava The Lamia." (da Giovanni De Liso, Genesis. Once upon a time. Testi commentati (1969-1974), Arcana Ed.)

 

Anche a causa della sbagliata collocazione nei negozi, l'album ha venduto inizialmente solo poco più di 600 copie. Ma dopo che i Genesis hanno raggiunto il successo, nei decenni seguenti, la Decca lo ha ristampato moltissime volte, nei vari formati, anche cambiandone il titolo o modificandone la scaletta. (Guarda le copie di From Genesis To Revelation da collezione).

 

Lo scarso numero di vendite di From Genesis to Revelation desta sconforto fra i membri del gruppo. La band è in condizioni disperate dal punto di vista finanziario, addirittura pare che saltino i pasti. Ma rifiutano, comunque, gli aiuti in denaro forniti dalle rispettive famiglie. Nessuno dei componenti si perde d'animo, nella convinzione che il successo sarebbe arrivato.

 

Benché con il termine Revelation si può intendere anche l’ultimo libro della Bibbia, l’Apocalisse di San Giovanni, nel disco non si fa mai cenno al testo dell'evangelista, che verrà invece citato in Supper’s Ready su Foxtrot e in alcune parti di The Lamb.

 

Con In Hiding Peter Gabriel si scaglia contro la sua scuola, la tetra Charterhouse e i violenti metodi educativi dei suoi insegnanti. Le parole che usano i Genesis saranno poi rintracciabili anche nella denuncia del sistema scolastico britannico dei Pink Floyd in The Wall. Ma mentre Roger Waters scrive ricordando gli anni dell’adolescenza, i Genesis compongono quando sono ancora studenti e “vittime” di quel sistema. Un tema che poi abbandoneranno definitivamente una volta "affrancati" dalla Charterhouse.

 

Nonostante i problemi economici, i Genesis prendono bene la pessima accoglienza dell'album, sia di pubblico che di critica. “E’ stata una fortuna che il disco sia stato un fiasco commerciale - ha detto Tony Banks -. Fosse stato un successo, probabilmente non ci avrebbe spinti a cambiare registro”. (da Mario Giammetti, Genesis. Il fiume del costante cambiamento, Editori riuniti). “Grazie a Dio non funzionò – ha detto Richard Macphail -. Sarebbe stato un disastro se i Genesis avessero avuto un hit in quel momento, perché erano troppo giovani”. (Daryl Easlea, Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel, Arcana Ed.)

 

Visions Of Angels, del successivo album Trespass, è un’outtake di From Genesis To Revelation. Una prima versione del brano è stata ritrovata in una bobina nella soffitta di casa Phillips quasi trenta anni dopo ed è rimasta inedita. Anthony Phillips la scrisse come canzone d’amore per la futura moglie di Peter Gabriel, Jill, di cui anche lui era innamorato. I testi vennero riadattati per inserirli nel disco d’esordio, quindi aggiungendo alla love song motivi religiosi. Del resto vari brani dei successivi album dei Genesis riprendono gli argomenti biblici, affrontati da From....

 

Nel 1999 il primo batterista Chris Stewart diventa scrittore di successo con il libro Una casa tra i limoni, in cui racconta la sua decisione di lasciare tutto e di trasferirsi in una fattoria dell’Andalusia, in Spagna. Il romanzo viene tradotto in dieci lingue e seguito da un altro successo, Un pappagallo sull'albero del pepe.

 

The Silent Sun è ispirato deliberatamente ai Bee Gees, una delle band preferite di Jonathan King e vista come un possibile modello per lo stile della nascente band. E fu sempre il produttore a decidere sia di fare dell'album un concept di sapore biblico, anche se non tutti i brani hanno contenuto religioso, sia l'aggiunta degli archi di accompagnamento, arrangiati e diretti da Arthur Greenslade & Lou Warburton. “Ci aspettavamo un suono di archi lussuoso, – ricorda Mike Rutherford – ma evidentemente il budget non era così alto. Con una grande orchestra alcune delle canzoni probabilmente sarebbero venute meglio”. (da Mario Giammetti, Genesis. Il fiume del costante cambiamento, Editori riuniti)

 

From Genesis to Revelation è anche il titolo di una trasmissione radiofonica settimanale italiana, dedicata al prog, di Popolare Network,  in onda regolarmente a partire dall’estate del 1999. La redazione è composta da Renato Scuffietti e  Matthias Scheller.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *