Peter Gabriel ringrazia pubblicamente Paolo Fresu per la sua versione di What Lies Ahead – VIDEO

La versione di Paolo Fresu di un brano inedito di Peter Gabriel, che lo ringrazia pubblicamente via Facebook e dal suo sito web.

By Old King Cole

Select Language

English English Italiano Italiano

Scrive Peter Gabriel sul suo sito PeterGabriel.com:

«I was very surprised when Paolo Fresu sent me a version of ‘What Lies Ahead’ that he had done with some wonderful players he was working with.

They had taken it into a different jazzier territory but it was played with such feeling.

It has real heart – pg»

Scrive Paolo Fresu sulla sua pagina Facebook:

«Nella primavera del 2014 chiesi a Peter Gabriel di partecipare con un video alla campagna di raccolta fondi a favore degli alluvionati della Sardegna.

Peter non solo raccolse immediatamente l’invito ma si scusò di averlo mandato tardivamente in quanto stava diventando nonno : ‘Ho perso la testa’ mi scrisse allora, come ci conoscessimo da sempre…

La dimostrazione di una grande umanità, oltre che di un grande spessore artistico.

Il 21 novembre dello stesso anno tenne un concerto all'Unipol Arena di Casalecchio di Reno alle porte di Bologna alla quale assistettero mia moglie Sonia Peana e il mio collaboratore Luca Devito.

Lo raccontarono come uno spettacolo magnifico. Sobrio e poetico nel medesimo tempo. Con una ritmica d’eccezione che coinvolgeva Manu Katche e Tony Levin.

Ma per tanto tempo mi raccontarono soprattutto del brano di apertura in cui Peter, con il suo pianoforte e con la sua inconfondibile voce, era accompagnato da una meravigliosa violoncellista oltre che dal contrabbasso.

Il racconto era così avvincente che acquistammo il concerto di quella sera e diventò uno dei reiterati ascolti di quel periodo.

Il brano iniziale si intitolava “What Lies Ahead”, una specie di corale sobrio e profondo che Peter definiva "una sorta di antipasto" per le portate musicali successive condite con brani come “Don’t give up”, “Mercy Street”, “Daddy Long Legs” e “Biko”.

Quando nel maggio del 2015 entrai in studio con Omar Sosa Music per il disco “Eros” proposi di registrare “What Lies Ahead” aggiungendo il violoncello di Piero Salvatori.

Il brano non era nel programma delle registrazioni ne tanto meno Omar lo conosceva, ma quando glielo feci ascoltare al pianoforte impazzì di gioia.

Solo dopo averlo registrato mi posi il problema di chiedere il permesso a Peter scoprendo che il brano, scritto da suo figlio Isaac, era inedito e mai stato registrato ma solo eseguito dal vivo in quel tour.

Oggi “What Lies Ahead” è in un disco per noi fortunato dell'etichetta Tǔk Music che coinvolge in veste di ospiti anche Natacha Atlas OfficialJaques Morelenbaum e il Quartetto Alborada.

Quale brano più sensuale e voluttuoso?

Al tempo del coronavirus ho chiesto ancora a Peter Gabriel il permesso di poterlo registrare ancora una volta.

A casa e da solo, utilizzando la base originale di allora e posizionandovi sopra una nuova tromba dopo cinque anni.

Ciò che ci aspetta non lo sappiamo ma siamo coscienti del bisogno di vita e di comunione oltre che di sguardi e di carezze.

Le mie di oggi sono in questa nuova versione.

Quelle che Peter Gabriel ci ha scritto alcuni giorni fa e ad hoc le avete lette qui sopra.»

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'