Archivi categoria: Steve Hackett

Progressive Music Awards 2019: Vote for Steve Hackett

Progressive Music Awards 2019: Vote for Steve Hackett.

EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench

Steve Hackett has been nominated for:

- Album of the Year:

Click to enlarge

 

- Artist of the Year:

Click to enlarge

- Re-issue of the Year: 

Click to enlarge

The event takes place at the Underglobe in London, on the site of Shakespeare’s iconic Globe Theatre, on September 12, 2019.

Voting closes at midnight GMT on August 9, 2019. 

Vote now for Steve in the 2019 Progressive Music Awards

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Steve Hackett tour 2019 in Italia a luglio – BIGLIETTI

Steve Hackett, ecco i link per la prevendita su TicketOne dei biglietti per le date italiane di luglio.


EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench


14 July - Arena del Mare, Genova - Tickets

16 July - Parco San Valentino, Pordenone - Tickets

17 July - Piazza Sordello, Mantova - Tickets

18 July - Piazza Santissima Annunziata, Firenze - Tickets

18 July - Piazza Santissima Annunziata, Firenze - Vip Pack Steve Hackett Genesis Revisited - Tickets
20 July - Auditorium Parco della Musica - Cavea, Roma - Tickets
Il Gold Package include:
- Un biglietto di Primo Settore
– Catering con buffet
- Carnet di ingressi e riduzioni per mostre, musei e attività culturali
- Visita guidata ai luoghi d’arte legati al progetto MusArt

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Steve Hackett: limited vinyl of “Live: Nottingham 1990” – BUY NOW

Steve Hackett at his best in concert in 1990, on 180g brown vinyl.


EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench


It is called "Live: Nottingham 1990" and contains eight tracks from his Nottingham-gig from October 1990. 

The live performance was recorded at Central TV studios and tracks from the show have appeared on both DVD (Live Legends)...

...and also on the Access All Areas box set. 

Part of a special range of limited coloured vinyl editions from the illustrious Access All Areas catalogue.

Limited to 500 copies globally, few copies available.

Tracks:

Side A
1. Camino Royale
2. Please Don’t Touch
3. Every Day
Side B
1. In That Quiet Earth
2. Black Light
3. Theatre Of Sleep
4. Jazz Jam
5. Spectral Mornings

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co. su:

Angolo del Collezionista:

Aiuta Horizons Radio





LEGGI PERCHE'

Video Memories: Steve Hackett Spectral Mornings 40 years – NEW VIDEO by STEVE

Video Memories, Genesis & Co. History through videos.

By D.B.

EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench

This NEW video by Paul Gosling celebrates its anniversary, with Steve Hackett, John Hackett and Nick Magnus sharing their memories and exclusive recent rehearsal footage of Spectral Mornings music:

Steve Hackett discusses his album Spectral Mornings:

Tracks:

Concerts:

The Band:

Steve Hackett – electric and acoustic guitars, Roland guitar synthesizer, lead vocals on "The Ballad of the Decomposing Man", harmony/backing vocals on "Every Day" and "The Virgin and the Gypsy", koto on "The Red Flowers of Tachai Blooms Everywhere", harmonica on "The Ballad of the Decomposing Man"

John Hackett – flute, bamboo flute on "The Virgin and the Gypsy", Moog Taurus bass pedals on "Clocks - The Angel of Mons"

Dik Cadbury – bass guitar, harmony/backing vocals on "Every Day", "The Virgin and the Gypsy", and "Tigermoth", Moog Taurus bass pedals, violin on "The Ballad of the Decomposing Man"

Pete Hicks – lead vocals on "Every Day", "The Virgin and the Gypsy", and "Tigermoth"

Nick Magnus – keyboards, Vox String Thing, Novatron, clavinet, Fender Rhodes & RMI electric pianos, Minimoog, Mini-Korg 700, Roland String Synth RS-202 & SH-2000, harpsichord on "The Virgin and the Gypsy"

John Shearer – drums, percussion

Released: May 1979
Recorded: January–February 1979
Studio: Phonogram Studios, Hilversum, The Netherlands
Label: Charisma, Chrysalis, Caroline
Producer: John Acock, Steve Hackett

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Steve Hackett, i concerti in Italia – SPECIAL

Steve Hackett in Italia con il suo tour 2019. IMMAGINI, COMMENTI SOCIAL, VIDEO & INTERVISTA.


EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench



3 Maggio - Teatro Creberg Bergamo:

Photos By SaimonP ©

Photos By D.B. ©

2 Maggio - Teatro Colosseo Torino:

30 Aprile - Teatro Europauditorium Bologna:

29 Aprile - Teatro Brancaccio Roma: 

Steve ha tornerà per altre quattro date estive in luglio. Quella fiorentina prevede uno speciale Vip Pack ricco di possibilità per i fan. Eccole:

14 luglio - Arena del Mare, Genova -Tickets

16 luglio - Parco San Valentino, Pordenone -Tickets

17 luglio - Piazza Sordello, Mantova - Tickets

18 luglio - Piazza Santissima Annunziata, Firenze - Tickets

18 luglio - Piazza Santissima Annunziata, Firenze - Vip Pack Steve Hackett Genesis Revisited - Tickets
Il Gold Package include:
- Un biglietto di Primo Settore
– Catering con buffet
- Carnet di ingressi e riduzioni per mostre, musei e attività culturali
- Visita guidata ai luoghi d’arte legati al progetto MusArt

Qualche giorno prima dell'inizio del tour, Steve ha raccontato a Horizons Radio lo spirito di questa lunga serie di concerti. By D.B. & Saimon P.

H.R.: Steve, sei di nuovo in viaggio. Non ti stanchi mai di questa vita on the road?

S.H.: Essere in viaggio ha fatto parte della mia vita per così tanto tempo. È sempre una gioia suonare per tutti e amo essere sul palco con la fantastica band che lavora con me.

H.R.: Steve, sei contento di tornare in Italia? C’è una città italiana in particolare in cui sei felice di suonare?

S.H.: Adoro sempre tornare in Italia. Le persone sono sempre così accoglienti e abbiamo molti amici lì. Adoro ogni città italiana! L'Italia è un paese incredibilmente bello con borghi e città spettacolari.

Per la prima volta in assoluto, Steve esegue l'album dei Genesis Selling England By The Pound nella sua totalità. 

H.R.: Che tipo di legame hai con Selling England By The Pound? Qual è il tuo brano preferito? 

S.H.: Selling England By The Pound è sempre stato il mio album di Genesis preferito perché in quel momento tutto si stava sviluppando musicalmente per noi. La mia canzone preferita è Dancing With The Moonlit Knight, che attraversa così tante affascinanti modifiche. 

H.R.: Hai riscoperto la "missing song" Déjà Vu iniziata Peter Gabriel e ultimata da te per Genesis Revisited 1. Come viene cantata da Nad?

S.H.: Nad canta splendidamente su Déjà Vu. (...) È una meravigliosa esibizione di quella straordinaria "missing song" di Selling England.

H.R.: Hai dichiarato che ai tempi di Selling England By The Pound sentivi che stavi suonando la chitarra nella migliore band del mondo, e  che tutte le porte si stavano aprendo per voi; che atmosfera c’era nella band allora?

S.H.: La band era molto felice in quel momento. Sentivamo che il mondo si stava aprendo per noi e noi eravamo molto creativi musicalmente.

Sono presenti nello show anche altri brani classici dei Genesis.

H.R.: Quali?

S.H.: Dance on a Volcano e Los Endos. Selling England con l'aggiunta di Déjà Vu occuperà la maggior parte del set dedicato ai Genesis.

Inoltre il 2019 segna il 40° anniversario di uno degli album solisti più famosi di Hackett, Spectral Mornings, e Steve celebra giustamente questa pietra miliare eseguendo alcuni dei capolavori dell'album.

H.R.: Che tipo di legame hai con Spectral Mornings? E' un album che esegui molto  in concerto. Avremo dele sorprese?

S.H.: Anche se amo tutti allo stesso modo, Spectral Mornings è sempre stato un album speciale per me e anche per molti fan. Eseguiremo alcune canzoni suonate in tempi recenti come Every Day, Spectral Mornings e Clocks, ma anche brani non suonati da molto tempo come Virgin and the Gypsy, Tigermoth e The Red Flower Of Tai Chi Blooms Everywhere.

E ovviamente non mancano brani del nuovo album di Steve,  At The Edge Of Light, uscito nel gennaio 2019, accolto ottimamente da critica e pubblico.

H.R.: Che tipo di scelta hai fatto sui brani di At The Edge Of Light? E’ stato doloroso lasciarne qualcuno fuori?

S.H.: Ho scelto quelle tracce che penso funzionino meglio dal vivo. Mi piace sempre proporre parte del mio nuovo materiale per mantenere il set vitale.

Novità anche nella line-up che lo accompagna: alla batteria Craig Blundell sostituisce Gary O'Toole che ha lasciato la band nell'ottobre scorso. 

H.R.: Come va con Craig Blundell che sostituisce Gary O'Toole alla batteria? Avete avuto difficoltà con l’inserimento in una band così affiatata da anni?

S.H.: Craig si è ambientato bene sin dall'inizio. È un batterista fantastico e un ragazzo eccezionale. Siamo tutti entusiasti di averlo con noi.

Ecco quindi l'attuale line-up:

Steve Hackett: Vocals, Guitars
Roger King: Keyboards
Craig Blundell: Drums, Percussion
Rob Townsend: Saxes, flutes
Jonas Reingold: Bass, 12-string guitar
Nad Sylvan: Vocals 

H.R.: C'è qualche artista, vivo o morto, con cui ti piacerebbe collaborare? O esibirti dal vivo sul palco?

S.H.: Mi sarebbe piaciuto esibirmi dal vivo con Richie Havens, che aveva una voce e una presenza scenica così straordinarie.

H.R.: Un sacco di chitarristi ti guardano in termini di musicalità. Crescendo, hai un musicista che hai ammirato? E adesso?

S.H.: Quando ero molto giovane, era Hank Marvin dei The Shadows. Successivamente è stato Brian Jones degli Stones e in seguito ancora Jimi Hendrix. Poi ho sviluppato molto il mio stile. Ci sono ancora chitarristi che mi piacciono oggi come Joe Bonamassa.

H.R.: Come si è evoluto il tuo stile musicale nel corso degli anni? Cosa ti influenza di più?

S.H.: Inizialmente sono stato influenzato dal Blues, ma poi sono stato elettrizzato dall'esplosione di nuovi suoni di band come i Beatles, Procul Harum e King Crimson alla fine degli anni '60. Poi con i Genesis ho apprezzato il modo in cui molti generi musicali differenti possono essere collegati e sviluppati.

H.R.: Picasso una volta disse che l'arte è una reinterpretazione di vecchi modelli, con un nuovo tocco. Diresti che questo vale anche per la musica?

S.H.: Sì, tutti i modelli di base sono stati realizzati prima, ma quando sviluppi e colleghi diversi generi e idee, dai vita a nuove forme. È qui che la musica diventa eccitante!

Un caldo ringraziamento a Steve, sempre disponibile e profondo nelle sue risposte. Per leggere l'intervista integrale in inglese CLICCA QUI.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio info@horizonsradio.it

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Steve Hackett special guest of Alan Parsons’ ‘The Secret’ – LISTEN & BUY NOW

Alan Parson The Secret features special guests that include Steve Hackett.


EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench


Listen:

Pre-order now:

Buy the track with Steve:

“The Secret” has been released on multiple formats, including CD, CD+DVD, LP (Standard & Color), Box Set, & Digital. 

Available on CD, CD + DVD Audio Deluxe Edition (DVD includes Stereo Hi Definition Mix and 5.1 Surround Audio Mix), LP (Standard & Color), limited edition Box Set, and Digital. Box Set includes CD+DVD Deluxe Edition, 180g Gatefold Vinyl, the rare “LiveSpan” 2CD set, exclusive T-shirt (size: XL for US retailers, L for all European retailers), Poster, Numbered Lithograph (album cover).

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co. su:

Angolo del Collezionista:

Aiuta Horizons Radio





LEGGI PERCHE'

Steve Hackett in tour in Italia – INTERVISTA ESCLUSIVA

Steve Hackett arriva in Italia con il suo tour 2019. E racconta a Horizons Radio lo spirito di questa lunga serie di concerti. 


EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench


By D.B. & Saimon P.

Partenza il 22 aprile da Ostenda, in Belgio. Steve e la sua band si esibiscono in 31 spettacoli in 17 paesi.

H.R.: Steve, sei di nuovo in viaggio. Non ti stanchi mai di questa vita on the road?

S.H.: Essere in viaggio ha fatto parte della mia vita per così tanto tempo. È sempre una gioia suonare per tutti e amo essere sul palco con la fantastica band che lavora con me.

Dopo una settimana il tour arriva in Italia. Ecco le date, che prevedono anche il VIP Meet & Greet con Steve:

29 Aprile - Teatro Brancaccio Roma - Tickets 

30 Aprile - Teatro Europauditorium Bologna - Tickets

2 Maggio - Teatro Colosseo Torino - Tickets 

3 Maggio - Teatro Creberg Bergamo - Tickets 

Steve ha anche aggiunto altre quattro date estive in luglio. Quella fiorentina prevede uno speciale Vip Pack ricco di possibilità per i fan. Eccole:

14 luglio - Arena del Mare, Genova -Tickets

16 luglio - Parco San Valentino, Pordenone -Tickets

17 luglio - Piazza Sordello, Mantova - Tickets

18 luglio - Piazza Santissima Annunziata, Firenze - Tickets

18 luglio - Piazza Santissima Annunziata, Firenze - Vip Pack Steve Hackett Genesis Revisited - Tickets
Il Gold Package include:
- Un biglietto di Primo Settore
– Catering con buffet
- Carnet di ingressi e riduzioni per mostre, musei e attività culturali
- Visita guidata ai luoghi d’arte legati al progetto MusArt

H.R.: Steve, sei contento di tornare in Italia? C’è una città italiana in particolare in cui sei felice di suonare?

S.H.: Adoro sempre tornare in Italia. Le persone sono sempre così accoglienti e abbiamo molti amici lì. Adoro ogni città italiana! L'Italia è un paese incredibilmente bello con borghi e città spettacolari.

Per la prima volta in assoluto, Steve esegue l'album dei Genesis Selling England By The Pound nella sua totalità. 

H.R.: Che tipo di legame hai con Selling England By The Pound? Qual è il tuo brano preferito? 

S.H.: Selling England By The Pound è sempre stato il mio album di Genesis preferito perché in quel momento tutto si stava sviluppando musicalmente per noi. La mia canzone preferita è Dancing With The Moonlit Knight, che attraversa così tante affascinanti modifiche. 

H.R.: Hai riscoperto la "missing song" Déjà Vu iniziata Peter Gabriel e ultimata da te per Genesis Revisited 1. Come viene cantata da Nad?

S.H.: Nad canta splendidamente su Déjà Vu. Sembra incredibile durante le prove. È una meravigliosa esibizione di quella straordinaria "missing song" di Selling England.

H.R.: Hai dichiarato che ai tempi di Selling England By The Pound sentivi che stavi suonando la chitarra nella migliore band del mondo, e  che tutte le porte si stavano aprendo per voi; che atmosfera c’era nella band allora?

S.H.: La band era molto felice in quel momento. Sentivamo che il mondo si stava aprendo per noi e noi eravamo molto creativi musicalmente.

Saranno comunque presenti nello show anche altri brani classici dei Genesis.

H.R.: Quali?

S.H.: Dance on a Volcano e Los Endos. Selling England con l'aggiunta di Déjà Vu occuperà la maggior parte del set dedicato ai Genesis.

Inoltre il 2019 segna il 40° anniversario di uno degli album solisti più famosi di Hackett, Spectral Mornings, e Steve celebrerà giustamente questa pietra miliare eseguendo alcuni dei capolavori dell'album.

H.R.: Che tipo di legame hai con Spectral Mornings? E' un album che esegui molto  in concerto. Avremo dele sorprese?

S.H.: Anche se amo tutti allo stesso modo, Spectral Mornings è sempre stato un album speciale per me e anche per molti fan. Eseguiremo alcune canzoni suonate in tempi recenti come Every Day, Spectral Mornings e Clocks, ma anche brani non suonati da molto tempo come Virgin and the Gypsy, Tigermoth e The Red Flower Of Tai Chi Blooms Everywhere.

E ovviamente non mancano brani del nuovo album di Steve,  At The Edge Of Light, uscito nel gennaio 2019, accolto ottimamente da critica e pubblico.

H.R.: Che tipo di scelta hai fatto sui brani di At The Edge Of Light? E’ stato doloroso lasciarne qualcuno fuori?

S.H.: Ho scelto quelle tracce che penso funzionino meglio dal vivo. Mi piace sempre proporre parte del mio nuovo materiale per mantenere il set vitale.

Novità anche nella line-up che lo accompagna: alla batteria Craig Blundell sostituisce Gary O'Toole che ha lasciato la band nell'ottobre scorso. 

H.R.: Come va con Craig Blundell che sostituisce Gary O'Toole alla batteria? Avete avuto difficoltà con l’inserimento in una band così affiatata da anni?

S.H.: Craig si è ambientato bene sin dall'inizio. È un batterista fantastico e un ragazzo eccezionale. Siamo tutti entusiasti di averlo con noi.

Ecco quindi l'attuale line-up:

Steve Hackett: Vocals, Guitars
Roger King: Keyboards
Craig Blundell: Drums, Percussion
Rob Townsend: Saxes, flutes
Jonas Reingold: Bass, 12-string guitar
Nad Sylvan: Vocals 

H.R.: C'è qualche artista, vivo o morto, con cui ti piacerebbe collaborare? O esibirti dal vivo sul palco?

S.H.: Mi sarebbe piaciuto esibirmi dal vivo con Richie Havens, che aveva una voce e una presenza scenica così straordinarie.

H.R.: Un sacco di chitarristi ti guardano in termini di musicalità. Crescendo, hai un musicista che hai ammirato? E adesso?

S.H.: Quando ero molto giovane, era Hank Marvin dei The Shadows. Successivamente è stato Brian Jones degli Stones e in seguito ancora Jimi Hendrix. Poi ho sviluppato molto il mio stile. Ci sono ancora chitarristi che mi piacciono oggi come Joe Bonamassa.

H.R.: Come si è evoluto il tuo stile musicale nel corso degli anni? Cosa ti influenza di più?

S.H.: Inizialmente sono stato influenzato dal Blues, ma poi sono stato elettrizzato dall'esplosione di nuovi suoni di band come i Beatles, Procul Harum e King Crimson alla fine degli anni '60. Poi con i Genesis ho apprezzato il modo in cui molti generi musicali differenti possono essere collegati e sviluppati.

H.R.: Picasso una volta disse che l'arte è una reinterpretazione di vecchi modelli, con un nuovo tocco. Diresti che questo vale anche per la musica?

S.H.: Sì, tutti i modelli di base sono stati realizzati prima, ma quando sviluppi e colleghi diversi generi e idee, dai vita a nuove forme. È qui che la musica diventa eccitante!

Un caldo ringraziamento a Steve, sempre disponibile e profondo nelle sue risposte. Per leggere l'intervista integrale in inglese CLICCA QUI.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio info@horizonsradio.it

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Steve Hackett’s first days on tour – SOCIAL & VIDEOS

Steve Hackett, 2019 tour. Social & Videos.


EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench


Steve Hackett NOW on tour in Italy - SPECIAL - CLICK HERE.

First days on tour. Social Networks:

Videos:

Setlist in Ostende

#1:
Every Day
Under the Eye of the Sun
Fallen Walls and Pedestals
Beasts in Our Time
The Virgin and the Gypsy
Tigermoth
Spectral Mornings
The Red Flower of Tachai Blooms Everywhere
Clocks - The Angel of Mons

#2 (Selling England by the Pound):
Dancing With the Moonlit Knight
I Know What I Like (In Your Wardrobe)
Firth of Fifth
More Fool Me
The Battle of Epping Forest
After the Ordeal
The Cinema Show
Aisle of Plenty
Deja Vu

Encores:
Dance on a Volcano
Myopia / Slogans / Los Endos

 

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Unforgettable Gigs, Steve Hackett on the Cruise to the Edge, 10-11/4/2014 – VIDEOS

The Concerts that made History.

EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench

Steve Hackett - April 10-11, 2014 on the Cruise to the Edge: 

Review:

"Steve Hackett turned out to be the most hospitable (...): his second show featured John Wetton (voc) and Chris Squire (bass) on All Along The Watchtower, and..." - READ MORE

Setlist (by setlist.fm)

  1. Squonk
    (Genesis song)
  2. The Knife
    (Genesis song)
  3. The Musical Box
    (Genesis song)
  4. Firth of Fifth
    (Genesis song) (with John Wetton)
  5. Fly on a Windshield
    (Genesis song)
  6. Broadway Melody of 1974
    (Genesis song)
  7. Unquiet Slumbers for the Sleepers...
    (Genesis song)
  8. ...In That Quiet Earth
    (Genesis song)
  9. Afterglow
    (Genesis song)
  10. Supper's Ready
    (Genesis song) (with Simon Collins)
  11. All Along the Watchtower
    (Bob Dylan cover) (with Chris Squire)

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Horizons Radio Live:

Angolo del Collezionista:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Ipse Dixit: Steve Hackett answers to fan latest questions

Ipse Dixit, Genesis & Co. about Genesis & Co.

By D.B.

EnglishItalianSpanishChinese (Traditional)PortugueseRussianFrench

Here are Steve's answers to fan latest questions:

Horizons Radio #NowPlaying Live:

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'