Archivi categoria: storie

Stories & Memories: The day Peter Gabriel left Genesis, 16/8/1975

Stories & Memories, Genesis & Co. History.

By D.B.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

Il 16 agosto 1975 i giornali pubblicano una dichiarazione di Peter Gabriel, il quale rende nota così la sua decisione di lasciare la band


EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais


by D.B.

Eccola in versione originale:

I had a dream, eye’s dream. Then I had another dream with the body and soul of a rock star. When it didn’t feel good I packed it in. Looking back for the musical and non-musical reasons, this is what I came up with:

OUT, ANGELS OUT – an investigation.

The vehicle we had built as a co-op to serve our songwriting became our master and had cooped us up inside the success we had wanted. It affected the attitudes and the spirit of the whole band. the music had not dried up and I still respect the other musicians, but our roles had set in hard. To get an idea through “Genesis the Big” meant shifting a lot more concrete than before. For any band, transferring the heart from idealistic enthusiasm to professionalism is a difficult operation. I believe the use of sound and visual images can be developed to do much more than we have done. But on a large scale it needs one clear and coherent direction, which our pseudo-democratic committee system could not provide. As an artist, I need to absorb a wide variety of experiences. It is difficult to respond to intuition and impulse within the long-term planning that the band needed. I felt I should look at/learn about/develop myself, my creative bits and pieces and pick up on a lot of work going on outside music. Even the hidden delights of vegetable growing and community living are beginning to reveal their secrets. I could not expect the band to tie in their schedules with my bondage to cabbages. The increase in money and power, if I had stayed, would have anchored me to the spotlights. It was important to me to give space to my family, which I wanted to hold together, and to liberate the daddy in me. Although I have seen and learnt a great deal in the last seven years, I found I had begun to look at things as the famous Gabriel, despite hiding my occupation whenever possible, hitching lifts, etc. I had begun to think in business terms; very useful for an often bitten once shy musician, but treating records and audiences as money was taking me away from them. When performing, there were less shivers up and down the spine. I believe the world has soon to go through a difficult period of changes. I’m excited by some of the areas coming through to the surface which seem to have been hidden away in people’s minds. I want to explore and be prepared to be open and flexible enough to respond, not tied in to the old hierarchy. Much of my psyche’s ambitions as “Gabriel archetypal rock star” have been fulfilled – a lot of the ego-gratification and the need to attract young ladies, perhaps the result of frequent rejection as “Gabriel acne-struck public school boy”. However, I can still get off playing the star game once in a while. My future within music, if it exists, will be in as many situations as possible. It’s good to see a growing number of artists breaking down the pigeonholes. This is the difference between the profitable, compartmentalized, battery chicken and the free-range. Why did the chicken cross the road anyway? There is no animosity between myself and the band or management. The decision had been made some time ago and we have talked about our new direction. The reason why my leaving was not announced earlier was because I had been asked to delay until they had found a replacement to plug up the hole. It is not impossible that some of them might work with me on other projects. The following guesswork has little in common with truth: Gabriel left Genesis. 1) To work in theatre. 2) To make more money as a solo artist. 3) To do a “Bowie”. 4) To do a “Ferry”. 5) To do a “Furry Boa round my neck and hang myself with it”. 6) To go see an institution. 7) To go senile in the sticks. I do not express myself adequately in interviews and I felt I owed it to the people who have put a lot of love and energy supporting the band to give an accurate picture of my reasons.

I giornali pubblicano la lettera recapitata a mano nelle redazioni.

Colleziona su Ebay gli articoli di quel periodo - Clicca sull'immagine

Peter ha già comunicato ai compagni la sua decisione di lasciare la band il 25 novembre 1974 all'Hotel Swingos di Cleveland, in USA, tra le prime tappe del tour. ASCOLTA QUEL CONCERTO:

La band è dapprima incredula, poi sconcertata, quindi preoccupata per proprio futuro.  

Inoltre c'è un tour impegnativo da portare avanti, con brani poco conosciuti dal pubblico - la scaletta prevede tutto The Lamb, uscito solo pochi giorni prima + due bis: The Musical Box  e Watcher Of The Skies, talvolta sostituita da The Knife - e il timore che l'abbandono di Peter potesse trapelare e causare un crollo nella vendita dei biglietti.

Ecco l'ultima registrazione di un concerto nei Genesis di Peter Gabriel. Precede di 4 giorni il concerto finale del 22 maggio 1975:

Il 26 agosto, quindi, i Genesis sono costretti a  far uscire una dichiarazione ufficiale, per integrare quella di Peter.  In questa scrivono che la band è in cerca di un nuovo cantante, che sta componendo un nuovo album e a breve inizierà a inciderlo. Il disco uscirà a Natale e il tour partirà all'inizio dell'anno nuovo.

La notizia provoca uno shock nel mondo musicale e i media iniziano a dare per finita l'esperienza Genesis. Ma, come afferma Gail Colson, per anni sua stretta collaboratrice,

"Tony Stratton-Smith (fondatore e manager della Charisma Records N.d.R) era l'unico che credeva in loro al 100% e prevedeva che sarebbero diventati ancora più grandi senza Peter. Diceva sempre che finché c'erano Tony Banks e le sue melodie, allora c'erano i Genesis". Da: Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel, di Daryl Easlea

Stratt sembra aver ragione. A Trick Of Th Tail, primo album senza Gabriel e con Phil Collins cantante, uscito nel marzo 1976, vende più dei dischi precedenti e spiana ai Genesis la strada del successo e di una carriera lontana dalla fine. Anche se per milioni di fan la band senza Gabriel non è più la loro.

Peter al momento si ritira a vita privata, anche se, come sappiamo, non definitivamente. Ma questa è un'altra storia.

Se hai racconti, ricordi e materiale di questo periodo scrivi a Horizons Radio  Clicca qui

Angolo del Collezionista:

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Ipse Dixit – Richard Macphail: “My days with Genesis” – VIDEOS

Ipse Dixit, Genesis & Co. about Genesis & Co.

By D.B.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

Richard Macphail, guest in Italy of Savignone's prog days, talked about his book and told his days with Genesis. VIDEOS.

Related Posts

 

Horizons Radio News

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Video Memories: Peter Gabriel, Woodstock ’94 14/8/1994

Video Memories, Genesis & Co. History through videos.

By D.B.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

Woodstock '94 was a music festival organized in 1994 to commemorate the 25th anniversary of the original Woodstock festival of 1969. It was promoted... READ MORE

Clicca sull'immagine e leggi la recensioneClicca sull'immagine e leggi la recensione

Peter Gabriel headlined the North Stage on the last night and closed Woodstock '94.

"Hi, Woodstock," Gabriel said. "This is your festival. This is your mud.".... READ MORE

 

Peter Gabriel's introspection earns its pomp... READ MORE

Peter Gabriel Setlist Woodstock '94 1994, Secret World Tour

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Stories & Memories: Phil Collins gets job with Genesis, 8/8/1970

Video Memories, Genesis & Co. History through videos.

By D.B.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

L'8 agosto 1970 una telefonata allunga la vita dei Genesis, che, dopo l'addio di Anthony Phillips, sembrano già vicini alla fine. Ecco il racconto di quei giorni d'estate. 

Da genesisfan.net

By D.B.

Suona il telefono al 453 di Hanworth Road, quartiere di Hounslow, sobborgo occidentale di Londra. Una voce dice: «Pronto Phil? Sono Peter Gabriel. Quello dei Genesis. Il posto è tuo, se lo vuoi».

E' l'8 agosto 1970. Nei giorni precedenti Phil Collins ha sostenuto un "provino" con i Genesis. La band è stata vicinissima a sciogliersi e tuttora è in un equilibrio molto instabile. La simmetria creativa non c'è più, da quando Anthony Phillips ha lasciato i compagni d'avventura. Prima i Genesis avevano due coppie di autori, Mike Rutherford e Ant da una parte, Tony Banks e Peter Gabriel dall’altra. Ma soprattutto erano amici. Adesso uno di loro se ne va.

Da genesismuseum.com

Perché il 18 luglio alla Sussex Hall di Haywards Heath, Anthony Phillips è salito sul palco per l'ultimo concerto con il gruppo di cui è il fondatore. Guarda e ascolta i ricordi di quella data nello SPECIALE DI HORIZONS RADIO. 

La fobia del palco si è rivelata molto più di una semplice paura, è terrore. Ant è molto dimagrito e appare distrutto, ma la band non ha il tempo per accorgersi di ciò che sta accadendo nell'animo dell'amico. E' un momento in cui le cose sembrano muoversi. Hanno appena registrato Trespass (uscirà in autunno) e sono in tour in Inghilterra.

La musica che Ant ama tanto sta diventando invece causa di infelicità. Rutherford è il primo a conoscere le sue intenzioni. Poco prima di un concerto precedente, si sono appartati ed è arrivata, come una doccia fredda, la rivelazione. Rutherford sa che l'amico ha paura del palco, ma non c'è stato tempo per approfondire il discorso e Phillips non ha più fatto cenno alla sua fobia.

Quel 18 luglio ad Haywards Heath i Genesis suonano davanti a 25 persone. Il tragitto verso casa Mike e Peter lo compiono nella nuova auto di Gabriel, una Hillman Imp. Insieme prendono in considerazione la situazione. Anthony sembra insostituibile, i Genesis appaiono come indivisibili, la voglia di smettere sta per prendere il sopravvento.

Eppure durante quel viaggio qualcosa di diverso matura, l'idea di potercela fare anche senza l'amico. Bisogna andare avanti.

E così i Genesis ne approfittano per operare una piccola rivoluzione. Con Anthony viene fatto uscire dalla band anche l'ennesimo batterista: John Mayhew.

Ecco perché i tre rimasti sono alle prese con le audizioni, quell'estate del 1970. E' urgente trovare un nuovo batterista, ma si cerca pure un chitarrista, ovviamente, anche se al momento le parti di Phillips sono affidate al piano Hohner e al fuzzbox di Tony, con Rutherford a chitarra e basso a pedali. Nel dopo-Ant i Genesis stanno infatti effettuando diverse date in quartetto, anche importanti, come questa, al Marquee Club di Londra:

Da genesis-movement.org

L'atmosfera è quindi tesissima. La posta in gioco è la sopravvivenza e potrebbe non essere facile trovare qualcuno all'altezza delle aspettative.

All'annuncio sul Melody Maker risponde tra gli altri Phil Collins.

Phil è appena stato ad Abbey Road per incidere le congas nel brano All Things Must Pass di George Harrison, anche se poi nei crediti non c'è il suo nome e nella registrazione non si notano affatto le sue percussioni. ASCOLTA:

E il suo gruppo attuale, Flaming Youth, vacilla. L'album Ark 2 non ha dato i risultati di vendita sperati. Collins ha un disperato bisogno lavorare.

Ogni giovedì compra tutte le riviste musicali, ed ecco che l'annuncio «Tony Stratton-Smith cerca chitarrista dodici corde e batterista sensibile alla musica acustica» attira la sua attenzione. Phil non conosce granché i Genesis, ma li vede spesso nelle pubblicità dei concerti sui giornali. Buon segno - pensa - vuol dire che ne fanno tanti.

Invece Collins conosce già Strat dai tempi dei Freehold, una band in cui ha militato per poco tempo. I Freehold vivevano in un albergo in Russell Square a Bloomsbury. Quell’albergo è anche il posto dove Phil ha incontrato per la prima volta Tony Stratton-Smith. Diventano amici, si stanno simpatici a vicenda, secondo lui. Quindi pensa di poter avere una corsia preferenziale, una buona parola, per entrare nei Genesis, senza passare dalle audizioni. Rintraccia Stratton-Smith al Marquee Club. Gli offre un drink e gli parla dell'annuncio. 

«No, no, no, ragazzo mio, - risponde Strat - sono tipi esigenti. Devi richiamarli. Devi andare a fare l’audizione.»

Anche per farsi forza, Phil invita il suo amico Ronnie Caryl, pure lui alla ricerca di una via di fuga dai Flaming Youth e aspirante al ruolo che fu di Ant. L'appuntamento è a casa dei genitori di Peter a Chobham, nel Surrey, la settimana dopo. Apre la porta una signora di mezza età. E' la signora Gabriel.
«Entrate, entrate. - dice - Siete un po’ in anticipo. Fatevi pure una nuotata, mentre aspettate.»

Anche la piscina! - pensa Phil - Le cose nella sua vita stanno proprio migliorando. Se solo avesse pensato di portarsi il costume da bagno. Comunque decide di farsi un tuffo. Negli ultimi due anni ha imparato a cogliere qualsiasi opportunità. Chissà  - si chiede - se gli offriranno mai più di fare un tuffo in una piscina privata riscaldata. Si toglie i jeans e rimane solo con gli slip, poi si tuffa. È un lusso di prima classe a cui non affatto è abituato.

Mentre sguazza in piscina, Phil sente le prove dei due batteristi suoi rivali. Lo standard è accettabile e ascoltandoli capisce con chi deve contendere il posto. Ma intanto continua a godersi la piscina, per calmare i nervi. Poi è il suo turno. Arriva Peter, con in mano l’ancora inedito Trespass.

Gli  fa sentire tre pezzi: Stagnation, Looking for Someone, The Knife. Ma quando siede alla batteria, Collins ha già memorizzato la parte che loro stanno utilizzando nelle audizioni e mostra una sicurezza che colpisce tutti. E alla fine della prova, è sicuro di aver fatto bene.

E' anche l’ultimo batterista della giornata e quindi, tra una chiacchiera e l'altra, cerca di capire com'è andato il suo provino. Ma invano. Tutto quello che riesce a ricevere è un classico «ti faremo sapere».

Quasi non ci pensa più quando l’8 agosto suona il telefono al 453 di Hanworth Road. Phil ce l'ha fatta. In seguito scoprirà che Peter ha capito subito che lui è il tipo giusto per i Genesis, Mike è meno convinto. Tony fiducioso, ma riservato.

Cerca di fare l’indifferente, ma dentro di sé fa salti di gioia. Finalmente ha trovato un gruppo. Ronnie invece non passa l'"esame". Per il nuovo chitarrista la ricerca continua.

Ma questa è un'altra storia.

by D.B.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio info@horizonsradio.it

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Video Memories: Peter Gabriel, The Big Blue Ball album released on 28/7/2008

Video Memories, Genesis & Co. History through videos.

By D.B.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

The Big Blue Ball album released on 28 July 2008. Peter Gabriel last year remembered it: 

Official Video:

Peter Gabriel and Karl Wallinger on the making of Big Blue Ball:

Audio:

Buy:

Memories:

Track list (from Wikipedia):

1. "Whole Thing (Original Mix)" (featuring Francis Bebey, Alex Faku,Tim Finn, Peter Gabriel, Karl Wallinger, Andy White) Alexis Faku, Tim Finn, Peter Gabriel, Geoffrey Oryema, Karl Wallinger & Andy White 5:27
2. "Habibe" (featuring Natacha Atlas, Hossam Ramzy, Neil Sparkes, The Hossam Ramzy Egyptian Ensemble (Adel Eskander, Wael Abu Bakr, Momtaz Talaat)) Natacha Atlas, Hossam Ramzy, Vernon Reid, Neil Sparkes 7:12
3. "Shadow" (featuring Juan Manuel Cañizares, Papa Wemba) Juan Cañizares, Peter Gabriel, Karl Wallinger, Shungu Wembadio 4:28
4. "Altus Silva"[8]" (featuring Joseph Arthur, Ronan Browne, Deep Forest, James McNally, Iarla Ó Lionáird, Vernon Reid) Joseph Arthur, Ronan Browne, James McNally, Eric Mouquet, Iarla Ó Lionáird & Michel Sanchez 6:07
5. "Exit Through You" (featuring Joseph Arthur, Peter Gabriel, Karl Wallinger) Joseph Arthur & Peter Gabriel 5:52
6. "Everything Comes From You" (featuring Richard Evans, Joji Hirota, Sevara Nazarkhan, Sinéad O'Connor, Guo Yue) Joji Hirota & Sinead O’Connor 4:42
7. "Burn You Up, Burn You Down" (featuring Billy Cobham, Peter Gabriel, The Holmes Brothers, Wendy Melvoin, Arona N’diaye, Jah Wobble) Peter Gabriel, Neil Sparkes & Karl Wallinger 4:30
8. "Forest" (featuring Levon Minassian, Arona N’Diaye, Vernon Reid,Hukwe Zawose) Levon Minassian, Arona N’Diaye, Chuck Norman & Hukwe Zawose 6:16
9. "Rivers" (featuring Vernon Reid, Márta Sebestyén, Karl Wallinger) Marta Sebestyen 5:45
10. "Jijy" (featuring Arona N’Diaye, Rossy, Jah Wobble) Peter Gabriel, Rossy, Karl Wallinger & Jah Wobble 4:00
11. "Big Blue Ball" (featuring Peter Gabriel, Manu Katché, Karl Wallinger) Karl Wallinger 4:52

Bonus tracks:

12. "Habibe (Stefan Goodchild Remix)" (US digital download bonus track)
13. "Whole Thing (Adrian Sherwood & Jazzwad Remix)" (UK digital download bonus track)
14. "Story of the Big Blue Ball, Pt. 1" (digital download bonus video)

Reviews:

  1.  Allmusic review
  2.  Rolling Stone review
  3.  Gabriel Has A 'Ball' With Long-Gestating Album by Nigel Williamson, 4 August 2006. billboard.com
  4.  Gabriel Deals a Blow to the Record Business by Paul Durman, 21 January 2007. timesonline.co.uk
  5.  Gabriel Calls on Venture Capitalists to Help Album Launch — 24 January 2007. contactmusic.com

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Video Memories: Phil Collins, A Hot Night in Paris recorded live, 21/7/1998

Video Memories, Genesis & Co. History through videos.

By D.B.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

A Hot Night in Paris by The Phil Collins Big Band, released: 1999, recorded live at Grand Rex, Paris: 21 July 1998 - Playlist

Phil Collins & The Big Band - VIDEO:

 

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Unforgettable Gigs, Anthony Phillips: the last concert with Genesis, 18/7/1970 – SPECIAL

The Concerts that made History.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

Il 18 luglio 1970, alla Sussex Hall di Haywards Heath, Anthony Phillips sale sul palco per l'ultimo concerto con i Genesis. Ecco i ricordi di quella data. 

By D.B.

"La fobia del palco era molto più che una semplice paura, era terrore", racconta Mike Rutherford nella sua autobiografia The living years.

Ant è molto dimagrito e appare distrutto, ma la band non ha il tempo per accorgersi di ciò che sta accadendo nell'animo dell'amico. E' un momento in cui le cose sembrano muoversi. Hanno appena registrato Trespass (uscirà in autunno) e sono in tour, anche se le date non sono da grandi numeri, come vedremo più avanti.

Tra i tanti impegni dei Genesis in quel periodo c'è la registrazione dei Jackson Tapes il 9 gennaio 1970 ai BBC Studios Shepherds Bush di Londra. ASCOLTA LO SPECIALE DI HORIZONS RADIO.

"Dopo le session di registrazione mi sentivo come uno  zombie", ha raccontato  Phillips nel 2007. In più ha avuto problemi di salute, probabilmente legati al troppo lavoro. 

"Ero mentalmente e fisicamente debilitato - ha raccontato sette anni dopo Ant ad Armando Gallo e riportato nel suo libro Genesis: I Know What I Like -.  Eravamo un branco di perfezionisti.  Dopo ogni concerto c'erano sempre lunghe, lunghe, lunghe autopsie".

La musica che ama tanto sta diventando per Ant causa di infelicità e la sua buona educazione inglese gli impedisce di affrontare a muso duro i compagni per cercare di cambiare le dinamiche della band. "Non mi sentivo più amico di nessuno - continua Ant - ero come alienato. Eravamo ormai divisi in due gruppi che avevano perso la loro strada". 

Mike è il primo a conoscere le intenzioni di Ant. Poco prima di un concerto al Richmond Rugby Club si sono appartati ed è arrivata, come una doccia fredda, la rivelazione. Rutherford sa che l'amico ha paura del palco, ma non c'è stato tempo per approfondire il discorso e Ant non ne aveva più fatto cenno alla sua fobia.

Ecco un rarissimo video dei Genesis in concerto in quel periodo.  E' girato all'Atomic Sunrise Festival, l'11 marzo 1970 al Roundhouse Club di Londra:

Quel 18 luglio ad Haywards Heath i Genesis suonano davanti a 25 persone. Il tragitto verso casa Mile Rutherford e Peter Gabriel lo compiono nella nuova auto di Pete, una Hillman Imp. Insieme prendono in considerazione la situazione.

"Per me non c'era dubbio che senza Ant i Genesis non avevano ragione di esistere", ricorda Mike nell'autobiografia.  Anthony sembra insostituibile, i Genesis appaiono come indivisibili, la voglia di smettere sta per prendere il sopravvento.

Eppure durante il viaggio qualcosa di diverso matura, l'idea di potercela fare anche senza l'amico prende il sopravvento. "Si trattava piuttosto di sviluppare una nuova filosofia basata sull'assunto 'proviamoci e vediamo che succede'", scrive Mike. Così non viene presa in considerazione una pausa per consentire ad Anthony di raccogliere le idee. Bisogna andare avanti.

Ecco i Genesis  che eseguono l'inedita "The Shepherd" live al programma radio della BBC "NightRide" il 22 Aprile 1970. Probabilmente il più antico live dei Genesis registrato in un disco, il bootleg omonimo:

Una decisione condivisa poi anche da Tony Banks e che oggi appare giusta, ma molto sofferta: "E' stato il colpo più duro che abbiamo mai ricevuto", ha detto Gabriel a una rivista l'anno dopo e citato in Without Frontiers: The Life and Music of Peter Gabriel by Daryl Easlea. "Ci sarebbero state altre dipartite - rivela Mike -, ma nessuna avrebbe avuto su di me l'effetto che ebbe l'abbandono di Ant".

I Genesis ne approfittano per operare una piccola rivoluzione. Stanno per entrare nella band Phil Collins e Steve Hackett. 

Un legame con Ant che però non si è spezzato. Nel suo primo album solista The Geese And The Ghost, c'è diverso materiale composto con Mike. Phil Collins canta in due brani e John Hackett vi suona il flauto. E nei primi demo di Peter Gabriel dopo aver lasciato i Genesis c'è lo zampino di Ant.

Ant ha avuto poi una carriera solista prolifica e di ottima qualità. In questo periodo sta mandando in ristampa una serie di chicche. Ecco la programmazione delle uscite:

Il 16 giugno scorso è uscito Slow Dance (3 CD) in versione Cofanetto, CD+DVD, Doppio CD, registrazione originale rimasterizzata mix in 5.1. 

COMPRALO SU AMAZON

Arriva a settembre Invisible Men, in doppia versione e un intero CD bonus di materiale inedito.

GUARDA SU AMAZON SE E' PRENOTABILE

A dicembre arriva il terzo cofanetto di Anthony Phillips con gli album della serie "Private Parts & Pieces". Stavolta i volumi sono 9, 10, 11 e un dodicesimo tutto nuovo la 12 corde grande protagonista.

TIENI D'OCCHIO SE E' PRENOTABILE SU AMAZON

E' di nuovo disponibile The Meadows Of Englewood Anthony Phillips & Guillermo Cazenave, nell'edizione doppia (CD+DVD), in occasione del XV anniversario del 2012.

CLICCA QUI PER ACQUISTARLA SUL SITO DI CAZENAVE 

CLICCA QUI PER SCARICARE GLI MP3 DA AMAZON

Le ultime uscite sono state: il cofanetto "1984" in 2CD/DVD formato digipak con 5.1-mix e bonus tracks (per i dettagli clicca qui).

E il secondo cofanetto della serie "Private Parts & Pieces" (per acquistarlo clicca qui).

I primi quattro album di questa serie sono usciti nel 2015 (per i dettagli clicca qui).

Nel cofanetto "Private Parts & Pieces V-VIII" troviamo gli album V: Twelve, VI: Ivory Moon, VII: Slow Waves, Soft Stars e VIII: New England.

In più, un bonus CD con materiale rimasto inedito da molti anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio info@horizonsradio.it

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co. anche su:

Angolo del Collezionista:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Unforgettable Gigs, Genesis live in Rome 14/7/2007 – SPECIAL

The Concerts that made History.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

Il 14 luglio 2007 i Genesis si esibiscono al Circo Massimo a Roma, di fronte al pubblico più numeroso della loro carriera. Riguardiamo le immagini e il video. 


EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais


Il video del concerto:

Il numero degli spettatori è impressionante, qualcuno afferma mezzo milione. Essendo il concerto gratuito e la serata calda e invitante evidentemente molti sono lì per curiosare. Ma ciò non sminuisce l'evento.

Setlist (da Setlist.fm):

Duke's Intro:

  1. Behind the Lines
  2. Duke's End
  3. Turn It On Again
  4. Land of Confusion
  5. No Son of Mine
  6. Land of Confusion

    In the Cage Medley:

  7. In the Cage
  8. The Cinema Show
  9. Duke's Travels
  10. Afterglow
  11. Follow You Follow Me
  12. Hold on My Heart
  13. Home by the Sea
  14. Second Home by the Sea
  15. Follow You Follow Me
  16. Firth of Fifth
    (only instrumental part)
  17. I Know What I Like (In Your Wardrobe)
  18. Mama
  19. Ripples...
  20. Throwing It All Away
  21. Domino
  22. Drum Duet
  23. Los Endos
  24. Tonight, Tonight, Tonight
  25. Invisible Touch

    Encore:

  26. I Can't Dance
  27. The Carpet Crawlers

Ecco alcuni artwork di bootleg e DVD realizzati dopo il concerto (da Genesis The Movement):

Il 12 maggio i Genesis avevano ricevuto il VH1 Rock Honors, al Mandalay Bay Resort di Las Vegas negli USA. La loro era stata la prima apparizione pubblica elettrica con Collins da 14 anni. E' infatti dal Cowdray Concert del 18 settembre 1993, ultimo concerto con Phil che non si mostravano insieme.

Ecco il video dell'evento, con l'indimenticabile introduzione di Robin Williams:

Con il Turn It On Again Tour  è calato il sipario sulla gloriosa storia dei Genesis dal vivo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio info@horizonsradio.it

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co. anche su:

Angolo del Collezionista:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Unforgettable Gigs, Phil Collins at Live Aid, 13/7/1985 – SPECIAL

The Concerts that made History.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

Il 13 luglio 1985 Phil Collins è il protagonista di una clamorosa doppia esibizione al Live Aid. Ecco il ricordo di quel lunghissimo giorno.

Verso le tre del pomeriggio Phil e Sting salgono sul palco di Wembley, accolti da un boato del pubblico.

Ma non tutto fila liscio: Sting dimentica le parole di Every Breath You Take.

"Un attimo prima di entrare in scena, con la massima disinvoltura, Sting mi avverte: «A proposito, qualche volta faccio casino con le parole...». Un attimo dopo, in piedi davanti al pianoforte, mi affanno a leggere i versi mentre lui è partito per la tangente dall’altra parte del palco: «Every breath... every move... every bond...»", ricorda Phil, nella sua autobiografia "No, non sono ancora morto", trad. Anna Mioni, Mondadori.

Non solo. La giornata è molto calda, anche a Londra. Ancora Phil:

"Il palco è bianco, splende il sole e si muore di caldo. Sono così sudato che mentre suono Against All Odds un dito scivola sui tasti del pianoforte. Una vera stecca, sento quasi rabbrividire gli ottantamila fan che riempiono Wembley. E non soltanto loro, quella nota sbagliata è arrivata in tutto il mondo. Se aggiungiamo il pasticcio di Every Breath, sto già facendo la figura del principiante."

A Wembley Phil esegue anche In The Air Tonight:

Poi, insieme a Sting, ecco Long Long Way to Go:

L'esibizione londinese di Phil Collins finisce così. Ma non la sua lunga giornata. Lo attende un Concorde per gli Stati Uniti. Ricorda Phil: 

"Non volevo passare per l’unico sbruffone che suonava a entrambi i concerti, e mi avevano assicurato che anche i Duran Duran avrebbero preso l’aereo per Philadelphia. Senonché, per qualche ragione, i Duran Duran si esibiscono solo in America. Insomma, da un momento all’altro l’atmosfera cambia completamente."

Addirittura, a metà del volo del Concorde, è in programma un collegamento televisivo dall’aereo. Eccolo:

Ed ecco come lo ricorda Phil:

"Negli studi televisivi a Londra, i presentatori della BBC alimentano l’eccitazione del pubblico. «Eccoci in diretta con Phil Collins dalla cabina del Concorde! Come va, Phil?»

«Tutto bene, siamo a metà strada...»

Billy Connolly, Andrew Ridgeley degli Wham! e Pamela Stephenson, gli ospiti in studio, sono perplessi. Non sentono altro che gracchi indistinti e interferenze."

Arrivato in elicottero dal JFK Airport di New York al JFK Stadium di Philadelphia, Phil accompagna alla batteria Eric Clapton in White Room:

She's Waiting:

E Layla:

Ricorda Phil: "Il set con Eric è divertente e spensierato. Con il suo batterista Jamie evitiamo di tagliarci la strada, e il risultato è splendido. "

Poi si esibisce da solo. Di nuovo Against All Odds (Take a Look at Me Now) e In the Air Tonight:

Quindi è il delicatissimo momento della reunion dei Led Zeppelin. Phil suonerà con loro. Lo aveva invitato l'amico Robert Plant, prima ancora che venissero coinvolti gli altri ex membri e il Live Aid si trasformasse nel loro clamoroso ritorno insieme. Ma già prima di salire sul palco l'atmosfera non è delle migliori.

Phil: "Robert da solo: un tipo adorabile. Robert e qualsiasi cosa abbia a che fare con gli Zeppelin: è come se si producesse una strana e malevola reazione chimica. È tutto cupo, persino diabolico. Jimmy è palesemente – diciamo così – nervoso e irritabile. (...) ora mi stanno presentando John Paul Jones, che è muto come un pesce. Poi è la volta di Tony Thompson. Mi accorgo che mi tratta con estrema freddezza. (...) Gli parlo dei rischi dei due batteristi sul palco: sono anni che lo faccio con i Genesis e la mia band, so perfettamente quanto è facile che vada tutto a rotoli. Il segreto, come ho imparato a mie spese, è stare sul semplice. Lo sguardo di Tony, però, mi dice che non sa che farsene delle «dritte» di un opportunista appena atterrato da oltreoceano con il Concorde."

Phil introduce Robert Plant e i Led Zeppelin (ecco l'intera esibizione):

Eseguono Rock and Roll, Whole Lotta Love e Stairway to Heaven. 

Ma Phil non ha un buon ricordo dell'esibizione: "Sin dall’inizio mi rendo conto che le cose non vanno per il verso giusto. Dalla mia posizione sento poco Robert, ma quanto basta per accorgermi che non è al suo meglio. Altrettanto vale per Jimmy.

Non ricordo nemmeno di aver suonato Rock and Roll, ma so di averlo fatto. Ricordo però lunghi e atroci minuti di quello che Robert chiama sdegnosamente «lavoro a maglia», ovvero il drumming a effetto (...) percuotere l’aria per evitare di contribuire al disastro. Se avessi saputo dell’altro batterista, mi sarei chiamato fuori ben prima di arrivare a Philadelphia.

Sul palco, tengo gli occhi incollati su Tony Thompson. Mi tocca andargli dietro, perché picchia come un dannato e ha deciso di ignorare i miei consigli. (...) Il punto è che mi sentivo spaventosamente a disagio, se avessi potuto sarei uscito dal palco a metà di Stairway, se non prima. Ma ve le immaginate le reazioni?"

E con certo sollievo che Phil porta a termine l'esibizione con i Led Zeppelin. Ora deve "soltanto" affrontare un'intervista insieme a loro. Eccola:

Ancora Phil dalla sua autobiografia: "Hunter inizia a porre domande semplici, ma nessuno lo prende sul serio. Robert e Jimmy danno risposte vaghe e impertinenti, John Paul Jones è sempre muto come un pesce.

Mi dispiace per Hunter. È in diretta mondiale e il pubblico lo guarda con il fiato sospeso, ma i ragazzi gli stanno facendo fare la figura dell’idiota. E così, pur non avendo alcun titolo, cerco di salvare il salvabile rispondendo io."

Nel backstage Collins ha pure il fiato per riassumere questa lunga giornata in un'intervista singola, ancora con Hunter:

Ma nella sua autobiografia il riassunto è ben più tagliente ed efficace: "Wembley, Heathrow, il Concorde, il JFK (aeroporto e stadio), le quattro performance, una delle quali infernale".

Un ultima curiosità: sul Concorde Collins aveva incontrato l'attrice e cantante Cher, che non era a conoscenza dei concerti. Dopo aver raggiunto gli Stati Uniti, ha assistito a quello di Philadelphia e la si può vedere mentre si esibisce nel brano collettivo finale We Are the World

Anche Phil era stato invitato a partecipare, ma aveva declinato per stanchezza (e non solo, visto com'era andata con Plant & Co.).

"In albergo accendo la tv e vedo gli ultimi spasmi del concerto di Philadelphia. Un momento, chi è quella sul palco? Cher - racconta Phil-.

È la degna conclusione di una giornata di follia. Non solo è riuscita a entrare, ma ha un microfono in mano e sta cantando We Are the World. Forse proprio il mio verso."

I ricordi di Phil Collins sono tratti da:

Guarda tutti i concerti del Live Aid

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio info@horizonsradio.it

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co. anche su:

Angolo del Collezionista:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Unforgettable Gigs, Goodbye Steve! The last Hackett concert with Genesis, 3/7/1977- SPECIAL

The Concerts that made History.

EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais

Il 3 luglio 1977 all'Olympiahalle di Monaco di Baviera va in scena l'ultimo concerto di Steve Hackett con i Genesis. Ecco ricordi, suoni e immagini di quel giorno.


EnglishItalianoEspañol繁體中文PortuguêsРусскийFrançais


Ecco la registrazione del concerto:

"Ancora una volta un abbandono eccellente getta un ombra sul loro futuro - annota Mario Giammetti in Genesis. Il fiume del costante cambiamento -. Ma se sono riusciti a sopravvivere senza Gabriel, possono farcela anche senza Steve, pagando però un pesante prezzo a livello di creatività e fantasia".

Ed ecco il ricordo dei protagonisti.

"Sentivo che i Genesis stavano diventando ripetitivi - ha raccontato Steve ad Armando Gallo in Genesis: I Know What I Like - e sapevo che per esprime al meglio me stesso sarei dovuto uscire dal ruolo che avevo nella band. Il problema era che la sicurezza economica stava portando a un impoverimento spirituale e mi stava uccidendo suonare giorno dopo giorno gli stessi brani".

"Mi crea qualche imbarazzo dire che non mi ero proprio accorto di quanto infelice fosse stato Steve per la maggior parte del tempo in cui fu membro del gruppo - ricorda Mike Rutherford nella sua autobiografia The Living Years -. Non eravamo propriamente gli individui più sensibili del mondo e Steve era una  persona abbastanza riservata, come tutti noi del resto, ma pensavo comunque che si divertisse. (...) Nella mia personale scala Richter, la perdita di Steve non fece registrare scosse paragonabili a quelle di Ant o Pete".

"In questo periodo diventa evidente anche la frustrazione di Steve - racconta Phil Collins nella sua autobiografia No, non sono ancora morto -. Ha pubblicato il suo album da solista, ma invece di diminuire la pressione, l’ha aumentata. Vuole avere più canzoni sue negli album dei Genesis. Quello che per me è positivo si rivela negativo per lui: la nuova configurazione dei Genesis ha inaspettatamente aperto nuove strade di composizione dei pezzi, e mentre io mi sento sempre più sicuro come autore, Steve non riceve ancora lo spazio creativo che pensa di meritarsi. (...) Ma se siamo sopravvissuti alla perdita di un cantante, siamo in grado di sopravvivere a quella di un chitarrista. Continuiamo, imperterriti, con Mike che ci dà dentro sia al basso sia alla chitarra solista".

Dopo aver lasciato i Genesis Steve Hackett ha intrapreso un'importantissima carriera solista. Ha già pubblicato il primo album.

Ecco lo speciale di Horizons Radio:

LEGGI E ASCOLTA

E così i Genesis sono rimasti in tre. Ecco come raccontano quel periodo e l'album uscito dopo l'addio di Steve:

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio info@horizonsradio.it

Non perdere i nuovi contenuti.

Genesis & Co. News, ogni aggiornamento

Scegli la Newsletter.

Genesis & Co. News Weekly

Ascolta Genesis & Co. anche su:

Angolo del Collezionista:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'