Archivi categoria: Genesis

The Last Domino? Tour: DATE & BIGLIETTI

I Genesis tornano insieme in concerto con The Last Domino? Tour. Ecco le parole, le notizie, la rassegna stampa, i biglietti in vendita.

By D.B.

Select Language

English English Italiano Italiano

I Genesis si riuniranno per un tour nel Regno Unito, 13 anni dopo la loro ultima esibizione. 

Tony Banks, Phil Collins e Mike Rutherford hanno confermato la reunion nel programma di Zoe Ball su BBC Radio 2.

Il trio sarà affiancato dal figlio diciottenne di Collins, Nicholas alla batteria e Daryl Stuermer alla chitarra e al basso.

Le date annunciate:

16.11.20 Dublin - 3Arena Tickets kaufen
17.11.20 Dublin - 3Arena Tickets kaufen
19.11.20 Belfast - The SSE Arena Tickets kaufen
23.11.20 Liverpool - M&S Bank Arena Tickets kaufen
24.11.20 Liverpool - M&S Bank Arena *NEW* Tickets kaufen
26.11.20 Newcastle - Utilita Arena Tickets kaufen
27.11.20 Newcastle - Utilita Arena *NEW* Tickets kaufen
29.11.20 London - The O2 Tickets kaufen
30.11.20 London - The O2 Tickets kaufen
02.12.20 Leeds - First Direct Arena Tickets kaufen
03.12.20 Leeds - First Direct Arena *NEW* Tickets kaufen
05.12.20 Birmingham - Arena Birmingham Tickets kaufen
06.12.20 Birmingham - Arena Birmingham *NEW* Tickets kaufen
08.12.20 Manchester - Manchester Arena Tickets kaufen
09.12.20 Manchester - Manchester Arena *NEW* Tickets kaufen
11.12.20 Glasgow - The SSE Hydro Tickets kaufen
12.12.20 Glasgow - The SSE Hydro *NEW* Tickets kaufen

Fonte: genesis-news.com

Ecco le parole dei Genesis:

"Penso che sia il momento giusto", ha detto Banks. "Siamo tutti buoni amici, siamo tutti maturi e... eccoci qui".

‚ÄúFar√≤ del mio meglio per suonare alcune parti del tour‚ÄĚ, ha spiegato Phil Collins. ‚ÄúDevo iniziare a pensarci davvero seriamente, ma ho gi√† calcolato quello che far√≤ e quali canzoni suonare‚ÄĚ.¬†

"Tutti noi pensavamo: 'Perché no?', ha detto Collins. "Sembra una ragione un po' patetica, ma ci piace la compagnia reciproca, ci piace suonare insieme".

Banks ha aggiunto che il trio non ha chiesto a Gabriel di partecipare al reunion tour, perché "la maggior parte delle canzoni che la gente conosce è arrivata dopo la sua partenza. Peter ha lasciato la band 45 anni fa e da allora ha vissuto come aveva voluto".

"C'è un sound dei Genesis che è ancora presente", ha detto Mike Rutherford. "Mi mancava, è bello suonarlo di nuovo".

"E' una bella sensazione, è il momento giusto, non vediamo l'ora di farlo", ha continuato Mike Rutherford. Molti dei nostri contemporanei hanno suonato molto, abbiamo fatto due spettacoli nel Regno Unito negli ultimi 28 anni".

Sul figlio diciottenne Nicholas, che suonerà la batteria negli show, Phil Collins ha detto: "Suona come me e ha il mio stesso atteggiamento. Quindi è un buon punto di partenza".

Sulla potenziale scaletta, Collins ha detto: "Ci sono canzoni che senti di dover suonare perché il pubblico si sentirebbe imbrogliato se non lo facessi, allora si tratta di mettere insieme il resto del materiale con canzoni che non suoniamo da molto tempo. Ma ci sono alcuni vecchi cani che non correranno".

Le voci di una reunion circolavano da quando Collins e Rutherford si sono esibiti insieme a Berlino lo scorso giugno.

Collins ha poi accennato alla possibilità di una reunion: "Rimaniamo amici intimi, quindi non si sa mai."

All'inizio di questa settimana, una fotografia dei tre membri è apparsa sull'account ufficiale di Instagram dei Genesis con la didascalia: "E poi erano tre."

L’ultimo concerto dei Genesis risale al 2007, quando il gruppo britannico suonò al Circo Massimo di Roma, in un concerto gratuito, davanti ad oltre 500mila spettatori.

Rassegna stampa:

GENESIS: Transcript of their interview on BBC Radio 2 yesterday now available here: https://bit.ly/2v081i6

I Genesis tornano insieme dopo 13 anni

Sky TG24

Genesis, le 5 canzoni pi√Ļ famose del gruppo

Diretta Facebook

Facebook Pagelike Widget

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

70 ANNI!!! Tony Banks, 27 marzo 1950 – VIDEO & RICORDI

Anthony George (Tony) Banks, nato a Lewes il 27 marzo 1950, compie oggi 70 anni. Gli facciamo tanti auguri attraverso video e curiosità.

By D.B. 

Select Language

English English Italiano Italiano

Tony Banks viene descritto da Armando Gallo come una persona silenziosa, di poche parole, sin da quando era un ragazzo. Ma le rare volte che parlava, valeva la pena ascoltarlo. Gallo ricorda come fosse lucidissimo nel descrivere i piani della band nei successivi sette mesi e l'album che stava per arrivare: Foxtrot. E spiegava come le storielle che Peter Gabriel si inventava in concerto, sarebbero servite a esplicare i testi non sempre di primo impatto della band. (da Armando Gallo, Genesis: The Evolution of a Rock Band, S&J Ed.)

Gli amici prima di tutto. Dopo la pubblicazione del secondo album, Trespass, il gruppo conobbe un periodo di crisi causato dall'abbandono di Anthony Phillips; dopo ciò, Banks voleva abbandonare il gruppo, ma fu convinto dai compagni a proseguire la propria avventura con la band senza l'aiuto del chitarrista.

Le sue introduzioni indimenticabili, come quelle di Watcher of the Skies, Firth of Fifth, The Lamb Lies Down on Broadway. I suoi Assoli intramontabili, tra gli altri in Supper's Ready, The Cinema Show, In The Cage, Robbery, Assault & Battery, Duke's Travels/Duke'sEnd.

E' il creatore, tra le altre, di White Mountain, dei testi di Seven Stones, Harlequin e The Cinema Show. Di Firth of Fifth - ha scritto anche l'assolo di chitarra di Steve Hackett -, Time Table, Entangled, A Trick of the Tail, Mad Man Moon, One for the Wine, Afterglow.

Tony non ha suonato solo le tastiere nei Genesis. Certi suoi passaggi con la 12 corde acustica in canzoni come The Musical Box, Entangled, The Cinema Show e all'inizio di Supper's Ready sono indimenticabili. Banks è anche stato un back-up vocalist occasionale e co-lead vocals in Shepherd.

Banks √® stato un innovatore del sound del rock, pioniere, nella sua carriera, nell'uso di molte tastiere e sintetizzatori particolari. E' stato definito "il tastierista pi√Ļ raffinato del prog rock." Ha utilizzato svariati tipi di tastiera, padroneggiandoli con una tecnica unica, in diversi brani, ricorrendo pure a soluzioni artigianali, anche durante i concerti, per poter ottenere i risultati che ricercava. Guarda le video-interviste di Tony sull'uso dei vari effetti nei suoi album solisti.

Grazie a Tony sono entrate nei testi e nelle atmosfere dei Genesis opere letterarie di fantascienza (Watcher of The Skies, One for the Wine, Heathaze, Domino), fantasy (A Trick of the Tail), il Piccolo Principe (Mad Man Moon), le atmosfere vittoriane di Cime Tempestose (è stato lui a leggere il romanzo e a riportare le influenze nel titolo e all'interno di Wind & Wuthering) e di Dickens (Home By the Sea), T.S. Eliot, La Terra Desolata (The Cinema Show - in cui c'è anche Shakespeare - Romeo e Giulietta - e La Metamorfosi di Ovidio - Tiresia), John Keats (The Lady Lies), e poi dal filosofo Protagora (Harlequin) a San Paolo (Cul-de-Sac), da Zanna Bianca di Jack London (White Mountain) a Tom & Jerry - o Gatto Silvestro - (All in a Mouse Night)

Tony risulta essere un musone, un tipo non particolarmente simpatico, con poco senso dell'umorismo. Ma in certi momenti (tra quelli pubblici, ovviamente) non è così. Sul palco Banks ha talvolta anche indossato un boccaglio durante l'esecuzione di Who Dunnit?....

...O come in occasione del primo video in assoluto dei Genesis: Robbery, Assault & Battery. GUARDA:


"I protagonisti sono gli stessi membri del gruppo, con un barbuto Phil Collins particolarmente a suo agio nei panni del ladro [...] e gli altri tre in divisa da poliziotto (notevole il ruolo di Tony Banks che, pur prendendosi una pallottola dal brigante, nelle scene successive si muove proditoriamente all'inseguimento del lestofante)". (da Giovanni De Liso, Genesis, Behind the lines. Testi commentati (1969-1998), Arcana ed.)

Banks attualmente vive con la moglie Margaret, in una casa a sud di Londra. La coppia si √® sposata il 29 luglio 1972 e ha due figli: Benjamin (nato nel 1978) e Emily (1981). E' una delle relazioni pi√Ļ longeve della storia del rock. Hanno fatto una luna di miele di un giorno perch√© Banks era troppo impegnato a finire l'album dei Genesis Foxtrot. Banks ha detto: "La band era dispiaciuta per me, cos√¨ hanno pagato per farla venire nel tour successivo." (da Blake, Mark 10 luglio 2015 "Q&A: Tony Banks" Team Rock Retrieved 7 Marzo 2018). La coppia vive vicino a Godalming, nel Surrey.

E' stato nominato Prog God 2015 agli annuali Progressive Music Awards. Tony √® classificato al numero 11 nella classifica di Music Radar dei pi√Ļ grandi tastieristi di tutti i tempi.

Per saperne di pi√Ļ leggi la biografia di Mario Giammetti: Tony Banks. Man of spells. CLICCA QUI

Ecco la discografia da solista di Tony Banks.

Salva

Salva

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Genesis: il primo concerto con Phil Collins cantante, 26 marzo 1976 РAUDIO, VIDEO & RICORDI

Storie e Memorie indimenticabili, attraverso audio, video, documenti e molto altro ancora.

By D.B.

Select Language

English English Italiano Italiano

Il primo concerto dei Genesis con Phil Collins cantante si è svolto alla London Arena di London Ontario, Canada, il 26 marzo 1976. 

Ascolta il podcast (in italiano) - CLICCA QUI

Con l'addio di Peter Gabriel ai Genesis, Phil Collins √® diventato il frontman della band, che ha pubblicato ¬ęA Trick of the Tail¬Ľ il 2 febbraio 1976 - LEGGI L'ARTICOLO DI HORIZONS RADIO.

L'LP arriva al terzo posto nelle classifiche del Regno Unito, come ¬ęSelling England by the Pound¬Ľ e diventa il loro maggior successo. Il che li rassicura. Del resto¬† le aspettative sul futuro del gruppo erano bassissime. Ma poi la gente ha sentito il disco e le quotazioni del quartetto si sono alzate.

Il 26 marzo è previsto l'inizio del tour.

Ma, ovviamente bisogna risolvere il problema di chi suonerà la batteria in concerto. E Phil non ha voglia di abbandonare il suo strumento. Racconta Collins nella sua autobiografia:

"Bill Bruford, gi√† con gli Yes, √® un buon amico che mi ha fatto conoscere un sacco di batteristi jazz. Viene a una delle prove dei Brand X (stiamo scrivendo ¬ęUnorthodox Behaviour¬Ľ) e chiede:

¬ęCome va con i Genesis? Avete trovato un cantante?¬Ľ.
¬ęNon proprio. Ho cantato io nell'album, e vogliono
provare a far cantare me. Ma per farlo abbiamo bisogno di trovare un batterista.¬Ľ
¬ęBe', perch√© non lo chiedi a me?¬Ľ
¬ęMi sa che diresti di no. Un po' troppo simili agli Yes per te, no?¬Ľ
¬ęInvece lo farei.¬Ľ
Ed ecco che i Genesis hanno un nuovo batterista."

Cos√¨ Phil non ha pi√Ļ scuse. Tutti si adattano e si abituano al nuovo
assetto e alla nuova formazione.

"Non facciamo grandi cerimonie: succede e basta. Non ricordo nemmeno di avere fatto delle prove, o un annuncio", ricorda Phil.

Bill Bruford si inserisce subito bene, del resto √® uno dei pi√Ļ grandi del genere prog e non solo.¬†

"Non sono particolarmente nervoso per l'idea di cantare, né per il fatto
di farlo davanti a un pubblico - racconta Phil -. Mi ci ero già abituato con Oliver!, a suo tempo. Ma cantare con solo un microfono tra me e il pubblico, al posto di una fila di piatti: è questo il problema da superare. Se uno non è portato per i copricapi da pipistrello e per volare a mezz'aria, cosa fa quando non canta?"

Ricorda Mike Rutherford nella sua autobiografia:

"Avevamo scelto deliberatamente il Canada perché avevano meno memoria dei concerti con Pete là che in Europa. Pete era stato una figura così forte che non riuscivamo a immaginare come Phil l'avrebbe potuto sostituire. "

Ci sono anche altri problemi pratici.

Per esempio: come vestirsi. La tuta da
operaio era ideale quando era solo il batterista. E di indossare maschere e costumi "alla Peter Gabriel" non se ne parla. 

"Posso mettermi la coppola e la redingote per Robbery, Assault and Battery, ma questo è il massimo che sono disposto a fare", dice Phil.

Quindi viene scelta la tuta da operaio. E poi c'è un'altra preoccupazione. Peter Gabriel era bravissimo a intrattenere il pubblico con le sue storie mentre Mike, Tony e Steve si accordavano. Cosa può raccontare Phil?

Poi arriva il momento.

Alla London Arena le luci di sala si abbassano.

"Trascorro quasi tutto il concerto a nascondermi dietro l'asta del microfono: sono un esserino ventiquattrenne magro come una bacchetta da batteria.
E non tocco nemmeno il microfono. Toglierlo dal supporto sarebbe un gesto troppo... da cantante.
Ma arrivo in fondo al concerto riportando solo piccole ammaccature alla mia fragile consapevolezza di frontman.
",
ricorda Phil.

"La gente era dalla sua parte fin dal primo giorno - racconta Mike -. Sul palco, Phil è sempre stato un batterista molto visivo - mai appariscente ma molto spettacolare.

Non dimenticherò mai Phil nella sua T-shirt, la lunga barba e la sua mano tremante. E poi non avere Pete lì... Uno strano momento per tutti.
Ma dopo aver suonato le prime due canzoni, ho capito che sarebbe andato tutto bene.

E così è stato. La parlantina di Phil ci ha aiutato. Ha alleggerito l'atmosfera. Pete era misterioso sul palco, Phil è sempre stato il ragazzo della porta accanto", ricorda Mike.

Ci sono 2.200 fan alla London Arena di Bathurst Street per il ¬†debutto di Collins come frontman. I Genesis si aspettavano non pi√Ļ di un centinaio di persone e invece ecco la dimostrazione che la popolarit√† della band non √® in calo.

Non esiste una registrazione pubblica di questo concerto, anche se pare che una copia sia di proprietà di un collezionista. Ecco quelle di due date successive:

La maggior parte del setlist di quel 26 marzo è tratta da A Trick Of The Tail.

Per¬†il 40¬į anniversario di quella storica data per i Genesis e il rock tutto, ¬†il sito Genesisfan ha riportato...

I ricordi di coloro che erano nell'arena canadese.

"I membri della band sembravano molto nervosi - dice uno di loro, Brad Ashton-Haiste -. Ma dopo un paio di brani, tutti avevano enormi sorrisi. Forse pensavano, 'Phil funzionerà'".

Un altro fan, Jim Fisk, ha fatto fotografie del concerto, che ha poi venduto alla stampa.

"I duetti di Phil e Bill sono incredibili. Velocità, eccellenza tecnica e musicale", ricorda Fisk.

E dire che quando la data canadese era andata in prevendita i Genesis non avevano ancora un cantante.

Ma il 26 marzo Collins si è rivelato un vero frontman. E i presenti hanno assistito a un evento "storico".

Leggi tutto l'articolo

Ecco un video che mostra com'era lo show nel 1976:

Per approfondire: 

A Selection of Shows: Genesis & Solo Live Guide 1976-2014

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

20 anni fa Phil Collins vinceva l’Oscar con “You’ll Be In My Heart” dal film Tarzan, 26 marzo¬†2000 – i VIDEO & i RICORDI di Phil

Storie e Memorie indimenticabili, attraverso audio, video, documenti e molto altro ancora.

By D.B.

Select Language

English English Italiano Italiano

"You'll Be In My Heart" dal film Tarzan vince l'Oscar per la Canzone Originale alla 72ª edizione della cerimonia di premiazione che si è tenuta il 26 marzo 2000 allo Shrine Auditorium di Los Angeles.

Video:

Ricorda Phil:

"Il 16 giugno 1999, due giorni prima che Tarzan esca negli Stati Uniti, ottengo la mia stella sulla Hollywood Walk of Fame, davanti al Capitan Theatre della Disney. Mai in un milione di anni un umile ragazzino di Hounslow avrebbe potuto immaginarlo". Prosegue Phil nella sua autobiografia:

"√ą la sera degli Oscar 2000. Stavolta mi ritengono abbastanza bravo per cantare la mia canzone. A presentare la categoria √® Cher. Quando apre la busta e pronuncia il mio nome ‚Äď ho vinto l'Oscar per la miglior canzone originale - sono assolutamente sbalordito.

A conti fatti, ricordo i quattro anni di lavoro su Tarzan come un'avventura straordinaria. Mi sono impegnato a fondo, ho superato i miei limiti, ho conosciuto persone fantastiche e ho imparato moltissimo su una forma artistica nuova."

Phil aveva anche vinto il "Best Original Song Motion Picture" ai Golden Globes (2000):

Ma le altre volte non era andata così bene. Ecco il rapporto degli ex Genesis con i premi cinematografici:

"Against All Odds" eseguita da Ann Reinking. Nomination come Migliore Canzone Originale alla 57th Annual Academy Awards (1985), nomination come Miglior Album Originale per Phil Collins, Stevie Nicks, Peter Gabriel, Stuart Adamson, Mike Rutherford, Kid Creole, Michel Colombier, Larry Carlton.

Phil Collins è così felice quando "Against All Odds" viene nominata per un Academy Award nel 1985, che rimanda il suo tour australiano per poter partecipare all'evento.

La canzone è stata la sua prima Number One in America e Phil è entusiasta di avere la possibilità di esibirsi agli Oscar davanti a un pubblico mondiale di milioni di persone. Ma c'è un problema.

"Un anno dopo la pubblicazione, Against All Odds è candidata all'Oscar come miglior canzone originale - racconta Phil Collins nella sua autobiografia -.

Di norma i brani in gara vengono eseguiti dai rispettivi artisti, ma nel
1985 l'Academy ha deciso di cambiare e affidarli ad altri interpreti.

La querelle inizia in sordina, con un messaggio all'Academy nel quale comunichiamo la nostra disponibilità a fermarci a Los Angeles
per esibirci durante la cerimonia prima di partire per un tour australiano. Da quel momento cominciano a volare le lettere, una delle quali indirizzata a un certo ¬ęMr Paul Collins¬Ľ."

Phil è un cinefilo incallito, ha sempre guardato la notte degli Oscar e ora ha il privilegio di essere nella rosa dei candidati.

"Non voglio offendere nessuno pretendendo di cantare la mia canzone, ma da un momento all'altro mi ritrovo nel pieno di un incidente hollywoodiano", ricorda.

Phil non lascia trasparire la delusione, dicendo ai giornalisti sul red carpet che non vede l'ora di assistere alla versione della Reinking. Ma dentro di sé cova molta delusione.

Against All Odds verrà cantata in playback da una ballerina - continua Phil -. Va detto che non si tratta di una ballerina qualsiasi, ma della veterana Ann Reinking, ex compagna del grande coreografo Bob Fosse. Non che questo impedisca alla performance di essere un disastro colossale. (...)

Non appena Ann Reinking intona la mia canzone mille occhi mi fissano, curiosi di vedere la mia reazione. Sono semplicemente imbarazzato, per il modo in cui sento massacrare il mio brano e per le idee sbagliate che si è fatto il pubblico."

E Phil non vince. Stevie Wonder riceve il premio per la miglior canzone per "I Just Called to Say I Love You".

Phil Collins & Lamont Dozier vincono il Golden Globe per la Migliore Canzone Originale nel 1989, ricevendo anche la nomination agli Oscar per "Two Hearts", musica di Lamont Dozier e testo di Phil Collins nel film Buster (Buster).

E' l'anno di Un pesce di nome Wanda e tra il pubblico c'è John Cleese, candidato al titolo di Miglior Attore.

"¬ęTutto questo √® fantastico¬Ľ dichiaro sul palco dei Globes a Los Angeles dopo aver ritirato il premio - ricorda Phil nella sua autobiografia -. ¬ęHo scritto la canzone per Buster, un film inglese che √® passato completamente inosservato, soprattutto per colpa della casa di distribuzione. E tuttavia, come dico sempre, perdona e dimentica. O almeno fai finta.¬Ľ

A quelle parole, dal pubblico prorompe una risata. √ą John Cleese, che ha riconosciuto la battuta del suo Basil in ¬ęFawlty Towers¬Ľ. Ho fatto ridere John Cleese: ora s√¨ che posso dirmi soddisfatto."

Peter Gabriel singing "That'll Do" at the 71st Annual Academy Awards (1999).

"Eravamo molto soddisfatti -¬† ha detto Bob Ezrin, citato in Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel di¬†Daryl Easlea - . "√ą stato interessante perch√© quando facevamo Car, ho messo in contatto io a Los Angeles Peter con Randy Newman come scrittore e artista. Il primo incontro di Peter a Randy √® stato tramite me alla Nimbus.

Harry Garfield, il direttore musicale del film Babe 2 ha fatto la chiamata. Ho pensato che fosse poetico. Peter era naturalmente eccitato. Era eccitato
che noi tre potessimo riunirci nella stessa stanza, era una società di reciproca ammirazione tra noi". 

Il brano viene sconfitto da  'When You Believe' da The Prince Of Egypt di Stephen Schwartz. 

 

Peter Gabriel nomination all'Oscar 2009 Migliore Canzone Originale per "Down To Earth" dal film Wall-E ai Golden Globes, e per la Migliore Canzone Originale all'81st Academy Awards. 

Un'altra gaffe diplomatica dell'Academy. Gabriel avrebbe potuto eseguire solo un frammento della canzone di 65 secondi.

"All'inizio speravamo di esibirci - ha ricordato Peter, citato in in Senza frontiere. Vita e musica di Peter Gabriel di Daryl Easlea -.

Avevamo dato per scontato, visto che c'erano solo tre candidati, che le canzoni sarebbero state eseguite per intero.

Ma i produttori hanno insistito e... "così ho deciso di
ritirarmi dalla cerimonia", ha detto Peter.

Peter resta in platea, mentre John Legend, accompagnato da The Soweto Gospel Choir, ha eseguito la canzone al posto di Gabriel.

"Down to Earth" ha perso, battuta da "Jai Ho" di A. R. Rahman di Slumdog Millionaire. "The Wrestler" di Bruce Springsteen per il film omonimo era il terzo brano candidato.

Tuttavia Peter ha vinto il Grammy Award per la Migliore Canzone scritta per un film, televisione o altri media visivi nel 2009.

Oscar 2020. Un video-montaggio ha reso omaggio alle canzoni iconiche indissolubilmente legate ai film classici, rivisitando opere come "in Your Eyes" di Peter Gabriel in "Say Anything", "Don't You Forget About Me" di Keith Forsey in "The Breakfast Club" e "Lose Yourself" di Eminem in "8 Mile".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Genesis: i 40 anni di Duke, 24 marzo 1980 РAUDIO, VIDEO & RICORDI

Storie e Memorie indimenticabili, attraverso audio, video, documenti e molto altro ancora.

By D.B. - 

Select Language

English English Italiano Italiano

40 anni fa, il 24 marzo 1980 usciva il decimo album dei Genesis: Duke. I ricordi di Phil Collins e Mike Rutherford, i video ufficiali, le versioni live, la rassegna stampa.

Compra Duke (e aiuti Horizons Radio):

I ricordi:

¬ęIl materiale che abbiamo preparato per Duke √® davvero potente¬Ľ,¬†ricorda Phil Collins in No, non sono ancora morto: L'autobiografia.

¬ęSto imparando tantissimo come compositore. (...) Per√≤, oltre a portare Misunderstanding e Please Don't Ask, il mio ruolo nei Genesis √® come prima. (...)
Mike ha un riff di chitarra lento in un tempo divertente, tredici ottavi, e io suggerisco di accelerarlo. Diventa Turn It On Again. Io uso la CR-78 Su Duchess, la prima volta che usiamo la batteria elettronica in studio. (...)

A un certo punto Behind the Lines, Duchess, Guide Vocal, Turn It On Again, Duke's Travels e Duke's End sono debolmente uniti come unico brano di trenta minuti attorno a un personaggio di nome Albert. √ą la figura in copertina dell'album, dell'illustratore francese Lionel Koechlin. Ma sappiamo che un singolo pezzo di quella lunghezza verr√† sicuramente paragonato a Supper's Ready, cos√¨ scegliamo di cambiare direzione. Siamo entrati in un nuovo decennio e forse le suite che occupano tutto il lato di un album non verranno accettate pi√Ļ con tanta facilit√†. Bisogna fare piazza pulita.

Duke è il successo commerciale del gruppo, soprattutto in Germania. (...)
Vender√† cifre enormi anche in Gran Bretagna, ma riceve una recensione terribile sul ¬ęMelody Maker¬Ľ, e in un paio di occasioni vengo eletto "Cretino della
settimana" sulla stampa musicale. Perch√©? C'√® il vecchio detto che i settimanali musicali come ¬ęMelody Maker¬Ľ, ¬ęNME¬Ľ e ¬ęSounds¬Ľ sono automaticamente diffidenti nei riguardi di tutto quello che diventa molto famoso: la percezione √® che sia stata abbassata la qualit√† in modo che potesse piacere alle masse. E poi, il ¬ęprog¬Ľ sta diventando rapidamente un genere odiato dai giornali che adorano indie, post-punk e new wave. Come frontman dei Genesis, sono un facile obiettivo di questa collera.¬Ľ Da: Phil Collins,¬†No, non sono ancora morto: L'autobiografia.

¬ęDuke era un album di alti e bassi¬Ľ, ricorda Mike Rutherford in The Living Years, ¬ęil "basso" √® Man Of Our Times, che era il mio tentativo di essere un po' Gary Numan. Avevo un sintetizzatore per chitarra per la prima volta, che mi ha permesso di scrivere canzoni con parti di archi. Non ero un grande fan dei synth, ma, ancora una volta, ho pensato che fosse importante per sperimentare. Con
il senno di poi è una canzone che è meglio dimenticare (...).

L'"alto" è Turn It On Again, che è uscita da un riff che mi era rimasto da Smallcreep's Day e che ho sempre pensato fosse in 4/4 finché Phil non ha detto che era un 13/8. (...)

Duke √® stato un po' una rinascita per noi come band, anche se ognuno di noi aveva portato un paio di canzoni scritte separatamente in studio, le pi√Ļ forti sono quelle che avevamo scritto in gruppo. (Le canzoni scritte in gruppo sono sempre state le mie preferite in ogni album, semplicemente perch√© hanno il tocco di ognuno di noi). Da: Mike Rutherford, The Living Years.

Ascolta Duke:

Duke, i video ufficiali:

Duke live:

Rassegna stampa:

La Stampa: Duke, ovvero il pop perfetto può essere una suite da 25 minuti. Storia dell’album che ha cambiato i Genesis - LEGGI (in italiano)

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Genesis: 45 anni fa il concerto di Torino, 24 marzo 1975 РAUDIO, VIDEO & RICORDI

Storie e Memorie indimenticabili, attraverso audio, video, documenti e molto altro ancora.

By D.B. - 

Select Language

English English Italiano Italiano

Il 24 marzo 1975 i Genesis sono in Italia con il The Lamb Lies Down on Broadway Tour. Unica data a Torino.

Ecco la registrazione audio del concerto:

00:00 - Intro/The Lamb Lies Down On Broadway;
06:41 - Fly On A Windshield/Broadway Melody;
10:52 - Cuckoo Cuckoon;
13:58 - In The Cage;
21:18 - The Great Parade Of Lifeless Packing;
25:01 - Story Of Rael I;
26:30 - Back In NYC;
32:39 - Hairless Heart;
35:17 - Counting Out Time;
39:10 - The Carpet Crawlers;
44:53 - The Chamber Of 32 Doors;
50:42 - Story Of Rael II;
53:43 - Lillywhite Lillith;
56:38 - The Waiting Room;
01:04:12 - Anyway;
01:07:52 - Here Comes The Supernatural Anaesthetist;
01:10:25 - Interlude/The Lamia;
01:19:09 - Silent Sorrow In Empty Boats;
01:22:45 - The Colony Of Slippermen;
01:31:12 - Ravine;
01:32:37 - The Light Dies Down On Broadway;
01:35:50 - Riding The Scree;
01:39:48 - In The Rapids;
01:42:07 - It;
01:47:23 - The Musical Box;
02:00:13 - Watcher Of The Skies.

Il concerto al Parco Ruffini di Torino resta l'unico di una tournée italiana che viene annullata dopo gli incidenti e i tafferugli in altri live, che stanno per condannare il nostro paese a una quarantena senza  artisti stranieri durata anni. Di fatto resta uno degli ultimi di quel periodo.

I Genesis torneranno in concerto in Italia dopo 7 anni di assenza il 6, 7 e 8 settembre 1982 - LEGGI E ASCOLTA IL PODCAST DI HORIZONS RADIO.

Una ricostruzione dettagliata degli eventi prima durante e dopo il concerto su Genesis in Italia. I concerti 1972-1975 di Mino Profumo.

In questa intervista da YouTube Steve Hackett ricorda quei giorni con Carlo Massarini in "Ghiaccio Bollente" su RAI 5:

Peter Gabriel abbandona i costumi e le maschere che hanno reso celebri i Genesis e cambia registro per interpretare Rael: trucco pesante, jeans, maglietta bianca, scarpe da ginnastica, giubbotto di pelle nera. In alcuni momenti starà anche a torso nudo.

Fondamentali anche le bellissime proiezioni sugli schermi della scenografia. Ecco la ricostruzione: ‚ÄúThe Original Lamb Slide Show‚ÄĚ

Per avere un'idea di cosa ha visto il pubblico di Torino ecco alcuni interessanti estratti dei live mondiali del 1975:


Ed ecco come quel concerto viene raccontato da "I Magnifici Destini", una trasmissione di Radio 24:

Il Tour Programme è da collezione - CLICCA E GUARDA SE LO PUOI ACQUISTARE:

Ed ecco un biglietto della serata:

Concerto mirabilmente e dettagliatamente ricostruito da:

 

Genesis in Italia. I concerti 1972-1975 di Mino Profumo

"E' significativo che, dopo gli applausi iniziali raccolti sui minuscoli palchi delle nostre province, l'avventura di Peter Gabriel con i Genesis in Italia si chiuda a Torino, che insieme a Reggio Emilia e Roma √® la citt√† pi√Ļ legata alla loro presenza sul suolo italico".

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Se hai ricordi di questo concerto da condividere in forma scritta o audio/video inviali al link qui sotto e saranno pubblicati con la tua firma.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Rassegna Stampa (da ri-leggere): La guida definitiva agli album dei Genesis su Rolling Stone Italia

Meglio ‚ÄėNursery Cryme‚Äô o ‚ÄėSelling England‚Äô? Peter Gabriel o Phil Collins? E com‚Äôerano le canzoni con Ray Wilson? Su Rolling Stone Italia tutti i dischi realizzati in studio dalla band inglese, dall'inascoltabile all'imprescindibile.

By Lucio Curti

Select Language
English English Italiano Italiano


"Se c’è un gruppo rock anni ’70 amato in Italia, questi sono i Genesis. La band inglese ha conquistato il pubblico italiano sin dall’uscita di Nursery Cryme (1971).

Mentre in patria raccoglievano un pubblico sparuto, da noi i Genesis suonavano in teatri e palazzetti di fronte ad appassionati innamorati della loro musica...."

Inizia così l'articolo di Fabio Zuffanti, datato 21 gennaio 2020 - RILEGGILO QUI

Horizons Radio News:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

Rassegna Stampa: Rock History Music e le domande dei fan a Anthony Phillips

Quali sono le domande dei fan a Anthony Phillips? Gliele ha rivolte Rock History Music. 

By Lucio Curti

Select Language

English English Italiano Italiano

Ecco l'ultima domanda in ordine di tempo: Ant è ancora in contatto con gli amici con i quali ha fondato i Genesis?

Interview #12 Does Anthony Phillips Still Hang With Other Genesis Pals?

Ed ecco le domande precedenti:

Horizons Radio News:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

10 anni fa i Genesis alla Rock And Roll Hall Of Fame, 15 marzo 2010 – VIDEO

Storie e Memorie indimenticabili, attraverso audio, video, documenti e molto altro ancora.

By D.B. - 

Select Language

English English Italiano Italiano

15 marzo 2010, al Waldorf Astoria di New York, i Genesis sono protagonisti nella 29th Annual Rock And Roll Hall Of Fame Induction Ceremony.

Ecco il video di quella serata:

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

40 anni fa Genesis & Peter Gabriel a Top of the Pops su BBC TV, 13 marzo 1980 – VIDEO

Storie e Memorie indimenticabili, attraverso audio, video, documenti e molto altro ancora.

By D.B. - 

Select Language

English English Italiano Italiano

40 anni fa, il 13 marzo 1980 i Genesis e Peter Gabriel partecipavano a Top of the Pops sulla BBC, in maniera diversa.

Steve Wright presenta le hit della settimana, con le performances di The Dooleys, the Police, the Detroit Spinners, Secret Affair, The Vapors, Siouxsie & the Banshees, Gibson Brothers, Peter Gabriel, di cui viene trasmesso solo il video di Games Without Frontiers, Genesis, che eseguono Turn It On Again e Fern Kinney. con una sequenza dance di Legs & Co.

Guarda i Genesis:

Guarda Peter Gabriel:

Timecodes:

00:05- Rush- Spirit Of Radio (and charts) 00:55- The Dooleys- Love Patrol 03:15- The Detroit Spinners- Working My Way Back To You - Forgive Me Girl (Medley) (danced to by Legs & Co) 06:00- Brothers Johnson- Stomp (video) 08:20- Secret Affair- My World 10:50- Liquid Gold- Dance Yourself Dizzy 13:45- Rainbow- All Night Long (video) 16:15- The Vapors- Turning Japanese 19:30- Siouxsie & The Banshees- Happy House 20:20- The Gibson Brothers- Cuba 25:00- Peter Gabriel- Games Without Frontiers (video) 26:30- Marti Webb- Take That Look Off Your Face 29:40- Genesis- Turn It On Again 32:45- Fern Kinney- Together We Are Beautiful 36:20- Captain & Tennille- Do That To Me One More Time (and credits)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. Latest News
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Genesis & Co. News of the Week
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE'

English English Italiano Italiano
google.com, pub-8548405060156665, DIRECT, f08c47fec0942fa0
Font Resize
Contrast