Buon Compleanno Peter Gabriel, 13 febbraio 1950 – AUDIO, VIDEO & RICORDI

Peter Brian Gabriel, 13 febbraio 1950.

Ecco l’evoluzione musicale, fisica e artistica di Peter, attraverso i video:

 

Cosa hanno in comune Peter Gabriel e Steve Hackett? Entrambi sono nati sotto il segno dell’Acquario. Ma condividono molto di più.

Peter Gabriel with Steve Photo © Maurizio Vicedomini da http://www.hackettsongs.com

Photo © Maurizio Vicedomini da http://www.hackettsongs.com

By Saimon P.

Entrambi hanno fatto parte di una delle maggiori band del panorama musicale mondiale e ne sono usciti all’apice del successo.

Colleziona su Ebay gli articoli di quel periodo – Clicca sull’immagine

Colleziona su Ebay gli articoli di quel periodo – Clicca sull’immagine

Entrambi hanno poi realizzato carriere soliste post Genesis di grande successo.

Entrambi fanno tourSteve incessantemente – solo per amore della musica.

Entrambi intrattengono con il pubblico un rapporto che rasenta la sacralità. Ogni loro concerto è quasi un rito mistico.

Entrambi perseguono una ricerca maniacale delle sonorità e introducono riferimenti colti nei loro album (dai tarocchi ai temi politici e ambientali, dai miti dell’antica Grecia all’apartheid).

 

Entrambi perseguono l’idea di una musica fine a se stessa, slegata dalle logiche di mercato e di profitto, continuando la ricerca iniziata con i Genesis e sviluppata negli anni di carriera solista.

Infine, entrambi condividono la stessa torta, a mezzanotte tra il 12 e 13 febbraio. Ieri Steve….

Oggi, con l’augurio di nuovi progetti sonori e artistici, buon compleanno, Peter!!!!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI


Ascolta Peter Gabriel:


Horizons Radio News


Aiuta Horizons Radio



LEGGI PERCHE’

Buon Compleanno Steve Hackett, 12 febbraio 1950 – AUDIO, VIDEO, RICORDI

Il 12 febbraio 1950 nasce a Londra Steve Hackett. 

In occasione dei suoi 70 anni, Steve ha concesso a Horizons Radio un’intervista, in cui traccia un bilancio della sua vita artistica e non solo.

Intervista di SaimonP. & D.B.:

HR: Siamo molto entusiasti della tua autobiografia in uscita il  24 luglio 2020. Di solito si dice che scrivere la propria autobiografia è un processo molto intimo e introspettivo, oltre che terapeutico. Cosa ti ha spinto a scriverla e quanto è stato difficile?

Steve Hackett: Volevo poter condividere le mie esperienze, i miei pensieri e i miei sentimenti…

Leggila tutta:

70 ANNI!!! Stephen Richard Hackett, 12 febbraio 1950 – INTERVISTA ESCLUSIVA

Il primo disco: nel 1970 pubblica un album intitolato The Road come membro dei Quiet World, un gruppo in cui suona anche suo fratello, John Hackett, al flauto. Ecco l’audio:

La svolta: in cerca di una nuova band, Hackett pubblica un annuncio sulla rivista Melody Maker:

La prima incisione di Hackett con i Genesis è l’album Nursery Cryme. Steve eredita il ruolo di chitarrista di Anthony Phillips. Ascolta lo speciale di Horizons Radio “Anthony & Steve due chitarre nel mito Genesis”, di Paolo Tenerini – CLICCA QUI.

In Foxtrot il primo assolo acustico di Hackett, Horizons:

Hackett è il primo membro dei Genesis a pubblicare un album solista, Voyage of the Acolyte, a cui partecipano Phil Collins e Mike Rutherford.  Ascolta lo speciale di Horizons Radio – CLICCA QUI

Steve annuncia il proprio ritiro dai Genesis l’8 ottobre 1977, una settimana prima della pubblicazione del secondo album live del gruppo, Seconds Out.

Il 2 ottobre 1982 un ritorno con i Genesis, a fin di bene, in occasione del Six of the Best, la reunion “solidale” dei Genesis – GUARDA LO SPECIALE DI HORIZONS RADIO.

Il primo album dopo aver abbandonato i Genesis è del 1978, il suo secondo solista, Please Don’t Touch.

Steve Hackett Please Don't Touch, la copertina

Il 4 ottobre 1978 inizia da Oslo il suo primo tour europeo, e nel 1980 il primo tour in USA.

Ecco un video del concerto, registrato in Germania:

Ed ecco il concerto americano al Bottom Line Club, New York NY:

Cured è l’album di Steve che si piazzato meglio nelle classifiche (numero 15 in UK, numero 169 in USA)

Ha suonato anche con i con i GTR,  il supergruppo fondato insieme a Steve Howe. Ecco le pubbicazioni:

Con Squackett (Chris Squire & Steve Hackett):

Segui lo  speciale sul Tour in corso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI


Le ultime di Steve su Horizons Genesis


Ascolta Steve Hackett:


Horizons Radio News


Aiuta Horizons Radio

35 anni fa Phil Collins vinceva il Golden Globe, 28 gennaio 1989 – VIDEO

Phil Collins & Lamont Dozier vincono “Best Original Song” ai Golden Globes del 1989.

Guarda il video: 

Phil Collins e Lamont Dozier vincono il Golden Globe per la canzone originale di un film per “Let the River Run” e “Two Heart”.
Phil Collins ha detto scherzosamente che non pensava di ricevere il premio perché aveva iniziato a bere.
Collins ha detto di essere molto orgoglioso e soddisfatto che il film “Buster” sia rappresentato nel premio e di essere dispiaciuto del fatto che non molte persone abbiano visto il film.
Ha anche dichiarato che è un onore aver lavorato con Lamont Dozier.
Lamont Dozier ringrazia Dio, la moglie, l’Atlantic e i molti sostenitori della sua musica.

Buon compleanno Philip David Charles “Phil” Collins, 30 gennaio 1951 – AUDIO, VIDEO & RICORDI

Ecco alcune tappe audio/video della carriera di Phil.

 

La prima canzone composta, con il gruppo The Freehold: Lying Crying Dying, registrata nel 1968 ai Regent Sounds di Londra:

Le prime immagini di Phil alla batteria (ma anche alla voce e all’organo Hammond):

14 maggio 1970, l’olandese TROS TV manda in onda un mini concerto di una giovane band inglese chiamata Flaming Youth:

Primo concerto con i Genesis: il 6 Agosto 1970 al Gaumont Cinema, Doncaster in Inghilterra. Primo audio di Phil alla batteria con i Genesis dal vivo: alla Ferme IV, Wolowé St. Lambert, Bruxelles, in Belgio il 7 Marzo 1971 durante il Trespass Tour:

Il primo brano cantato da Phil nei Genesis: For Absents Friends da Nursery Cryme:

La batteria di Phil Collins, Speciale di Horizons Radio “I Fiori Delmale” (in italiano):

  1. I Fiori Delmale - La Batteria di Phil Collins Eugenio Delmale 30:23

Prima collaborazione con un membro dei Genesis in Voyage of the Acolyte di Steve Hackett: Star Of Sirius:

Prima registrazione di Phil Collins con i Brand XDead Pretty, dal Tour del primo album Unorthodox Behaviour – Live at the Nashville Rooms, 20 Febbraio 1976:

Prima registrazione di un Live dei Genesis con Phil Collins voce solista all’Auditorium Kitchener, Ontario Canada, durante l’A Trick Of The Tail Tour il 27 Marzo 1976:

Primo disco da solista: Face Value, 9 Febbraio 1981. Speciale di Horizons Radio.

1984, primo posto in classifica negli Stati Uniti, primo Grammy Award e prima nomination come miglior canzone per gli Oscar: Against All Odds (Take a Look at Me Now), canzone che dà il titolo alla colonna sonora del film Due vite in gioco (Against All Odds).

Primo film come attore protagonista in Buster, del 1988. Della colonna sonora fa parte la sua nuova versione di A Groovy Kind of Love, che diventa il suo unico singolo capace di raggiungere il primo posto sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti.

This Is Your Life, documentario biografico della BBC andato in onda il 26 ottobre 1988:

Primo e unico premio Oscar, con You’ll Be in My Heart, dal film Tarzan del 1999, brano inciso da Phil stesso in inglese, italiano, francese, tedesco e spagnolo:

Prima autobiografia, No, non sono ancora mortoCOMPRALA SU AMAZON, uscita nel 2016.

Salva

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Genesis MAIL: CLICCA QUI


Altre news su Phil Collins


Ascolta Phil Collins:


Horizons Radio News


Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE’

Buon Compleanno Anthony Phillips, 23 dicembre 1951 – AUDIO & VIDEO

Speciale Video Memories by Horizons Genesis.

Una sua intervista a 360°:


Le ultime di Ant su Horizons Genesis:


L’album di inediti “String of Light” COMPRA:

L’intervista e 2 live di String of Light:

Ipse Dixit: Anthony Phillips racconta l’album Strings of Light – VIDEO

La cura (Battiato/Sgalambro) by Algebra special guests Steve Hackett & Anthony Phillips: 

Gli altri album di Ant – COMPRALI SU AMAZON.

Rare video “Picaresca” from “Meadows of Englewood”:

Promo clip from Dragonfly Dreams, Private Parts & Pieces IX:

Ecco il video ufficiale di Halycon Days (Days To Remember) di Lettie Maclean.  Ant e Lettie hanno scritto e registrato, per il progetto UPPM, questo brano, che nel maggio 2016 è diventato un singolo:

Guarda i sui dischi più rari su Amazon – CLICCA e su Ebay – CLICCA.

Progressive Music Awards a Londra, 1° settembre 2016:

Qui Ant intervistato nel 1987:

Ecco una delle interviste più approfondite tra quelle rilasciate da Ant:

Le “ri-uscite” di Private Parts & Pieces 1 & 2 + 3 & 4:

 

Ascolta Anthony Phillips:

Horizons Radio News

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE’

Angolo del Collezionista – Genesis: “Seconds Out” esce il 14 ottobre 1977 – GUARDA LE OFFERTE e i VIDEO

Seconds Out (GUARDA QUI TUTTE LE OFFERTE SU AMAZON)” è il secondo album dal vivo dei Genesis.

E’ un doppio album costituito per gran parte di registrazioni tratte da concerti tenuti dai Genesis presso il Palais des Sports di Parigi dall’11 al 14 giugno 1977, nel corso della tournée europea di “Wind & Wuthering” (vedi sotto i video).

Fa eccezione il brano “The Cinema Show”, tratto dal concerto al Pavillon de Paris il 23 giugno 1976, durante il tour in di “A Trick of the Tail“, con Bill Bruford alla batteria.

Guarda il video live:

Formazione:

Phil Collins – voce, batteria
Steve Hackett – chitarra
Mike Rutherford – basso, chitarra
Tony Banks – tastiera, chitarra

Chester Thompson – batteria
Bill Bruford – batteria (The Cinema Show)

Tracce:

Lato A
Squonk – 6:39
The Carpet Crawl – 5:27
Robbery, Assault and Battery – 6:02
Afterglow – 4:29
Lato B
Firth of Fifth – 8:56
I Know What I Like – 8:45
The Lamb Lies Down on Broadway – 4:59
The Musical Box (Closing Section) – 3:18
Lato C
Supper’s Ready – 24:33
Lato D
The Cinema Show – 10:58
Dance on a Volcano – 5:09
Los Endos – 6:20

Guarda il video del “Wind & Wuthering” tour:

Nel 2019 è stato pubblicato in un 2LP gatefold half speed remaster, acquistabile qui su AMAZON.

E’ la prima volta che l’album viene completamente masterizzato per il vinile.

Il lavoro è a opera di Miles Showell agli Abbey Road Studios.

Questo leggendario album dal vivo è stato stampato su doppio vinile da 180 grammi con copertina apribile e buste interne stampate e viene fornito completo di Obi-Strip e di un certificato ufficiale Half Speed Mastered.


Le ultime notizie su Genesis & Co.:


Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE’

Genesis, 50 anni di ” Selling England By The Pound”, 13 ottobre 1973 – RICORDI, AUDIO & VIDEO LIVE

13 ottobre 1973 – 13 ottobre 2023. 50 anni di Selling England By The Pound.

I Genesis lo ricordano così.

Ecco l’album nelle versioni live.

 

Selling England By The Pound Import e da collezione su AMAZON – CLICCA QUI

Ascolta Genesis & Co. su:

Angolo del Collezionista: gli album dei tour di oggi su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE’

Buon Compleanno, Mike Rutherford!!!! 2 ottobre 1950 – AUDIO, VIDEO & RICORDI

Il 2 ottobre 1950 nasceva Michael John Cloete Crawford Rutherford.  Ecco alcuni momenti della sua carriera (in ordine rigorosamente non cronologico).

Ha co-fondato la school band Anon con Anthony Phillips e Richard Macphail, nel 1965, dopo di che si sono divisi e hanno formato i Genesis nel 1967 con i compagni di Charterhouse, Tony Banks, Peter Gabriel e Chris Stewart. Rutherford non amava il suo periodo alla Charterhouse ed è stato espulso per reati minori: 

“Pennsylvania Flickhouse” by pre-Genesis band Anon is now available online – BUY

 

Nel 1982 ha festeggiato il compleanno sul palco di Milton Keynes, UK, durante la reunion benefica in favore di Peter Gabriel (e il pubblico gli fa gli auguri cantando):

Genesis: la reunion benefica per aiutare Peter Gabriel, 2 ottobre 1982 

Caratteristiche sono state le sue chitarre doppiomanico.

Durante i primi tour dal vivo, Rutherford utilizzava spesso un doppio manico Rickenbacker costruito su misura con  chitarra a 12 corde a corpo semi-vuoto e un basso a 4 corde (ora in mostra al Rock and Roll Hall of Fame Museum).

Per “The Lamb Lies Down on Broadway” e la prima parte del “Trick of the Tail” tour, ha incorporato una chitarra Rickenbacker a 12 corde a corpo solido e una Micro-Frets Signature Baritone a 6 corde, dotata di corde di basso a 6 corde a scala corta.

In seguito è passato a un’altra combinazione di 12 corde a corpo solido e 6 corde per basso. Per i tour “Mama” e “Invisible Touch” aveva una chitarra a sei corde e un basso a quattro corde inseriti in un corpo personalizzato

Per il tour del 2007 con i Genesis, Rutherford aveva una chitarra Gibson a dodici corde con un basso Yamaha TRB-4P. Fonte.

Genesis: “The Last Domino? Tour”

 

Ha festeggiato 40 anni del suo capolavoro:

Mike Rutherford: 40 anni di Smallcreep’s Day, uscito il 15 febbraio 1980 – AUDIO, VIDEO e i RICORDI di MIKE

Il suo secondo album solista, “Acting Very Strange” è uscito il 7 settembre 1982:

Il primo album con i Mechanics esce il 5 ottobre 1985:

“Out of the Blue”, uscito il 5 aprile 2019:

Mike + The Mechanics, ‘Out Of The Blue’ special Deluxe edition – BUY NOW

Con Peter Gabriel e Phil Collins, ha partecipato alla colonna sonora di on the “Against All Odds”, con il brano “Making A Big Mistake”:

Nel giugno 2019 ha suonato sul palco di Berlino con Phil Collins, una mini-reunion indimenticabile:

The Video – Phil Collins & Mike Rutherford on stage for “Follow You Follow Me” in Berlin

L’ultimo tour in Italia è stato con i Mechanics nel 2017:

Mike + The Mechanics in Italia – VIDEO

Nel 2014, Rutherford ha pubblicato “The Living Years: The First Genesis Memoir”, la sua autobiografia:

Il primo libro sulla carriera solista di Rutherford, intitolato “Silent Runner” di Mario Giammetti, è stato pubblicato in Italia (Edizioni Segno) nel 2011:

Con i Mechanics ai Grammy Awards il 21 febbraio 1990:

Video Memories: Mike + The Mechanics at the Grammy Awards, 21/2/1990 – VIDEO

Oltre ai Genesis, agli ex Genesis, ai musicisti dei suoi album solisti e ai Mechanics, Mike ha suonato in pubblico con Brian May, David Gilmour, Joe Walsh e molti altri chitarristi al Strat Pack Concert nel 2004, per celebrare i 50 anni della Fender Stratocaster:

E con Ed Sheeran e Nick Mason alla Cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici di Londra il 12 agosto 2012:

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Ascolta i Genesis:


Horizons Radio News


Aiuta Horizons Radio

Foxtrot 50: 6 ottobre 1972-2022, alcuni ottimi motivi per amare questo album – AUDIO, VIDEO & RICORDI

6 ottobre 1972, esce Foxtrot, 4° album dei Genesis, 2° con Phil Collins e Steve Hackett, 1° in Italia, 14° nella classifica dei 50 migliori Prog Rock Album di tutti i tempi di Rolling Stone

[GTranslate]

Foxtrot, Genesis

Ecco alcuni ottimi motivi per amare questo album.

  • Foxtrot è un album molto “italiano”. Infatti il testo di Watcher Of The Skies è stato scritto a Napoli, sul tetto dell’albergo Domiziana, che ospita la band per il doppio concerto che chiude la prima parte del Nursery Cryme Tour dei Genesis in Italia il 19 aprile 1972. Mike e Tony scrivono il testo ispirati dal panorama fantascientifico che godono dal loro particolare punto di osservazione. LEGGI QUI PER SAPERNE DI PIU’.
  • Reggio Emilia, 12 aprile 1972: potrebbero essere definite come data e luogo di nascita di Watcher Of The Skies. Perché, secondo i ricordi di Hackett e Rutherford, fu proprio nella città emiliana che  venne eseguita, praticamente tutta, durante le prove pre-concerto.  LEGGI QUI PER SAPERNE DI PIU’. E l’indimenticabile e lunghissima intro di Watcher è il primo dei miei “Fiori Delmale”.

  • Foxtrot si è piazzato primo nella classifica italiana, dodicesimo in quella inglese, quarantacinquesimo in Germania. Ha quindi rapito subito il cuore degli italiani. 
  • E ancora a proposito dell’Italia, primo paese a scoprire il loro talento. Durante il Foxtrot tour i Genesis sono stati headliners al Charisma Festival, supportati da Lindisfarne, Peter Hammill e Capability Brown. Per la prima volta, abituati a concerti in scuole e piccoli club nel loro paese, hanno suonato di fronte a 10.000 persone a Reggio Emilia (molte più di quanto si aspettassero gli organizzatori) e addirittura 18.000 al Palasport di RomaLEGGI QUI PER SAPERNE DI PIU’.

  • Con Foxtrot e in particolare con Get’em Out By Friday, i Genesis hanno dato il via ai  loro testi più impegnati.  Con sarcasmo e ironia, Peter Gabriel, autore del testo, tratta un argomento drammatico come la speculazione edilizia, gli espropri e gli sfratti. Un tema molto sentito negli anni 70 in Inghilterra e non solo. Ci sono ancora accenni fantascientifici, come in brani precedenti o coevi (The Return… o Watcher…) ma qui Peter inizia a virare verso le tematiche sociali di Selling England By The Pound e The Lamb…. LEGGI QUI PER SAPERNE DI PIU’. Un caposaldo del disco, un altro “Fiore Delmale”.

  • Foxtrot è il più amato complessivamente da tutti i membri dei Genesis. “Per me è proprio un album emozionante – dice Tony Banks ad Armando Gallo in Genesis: I Know What I Like – con grandi contrasti sonori. Un album interessante da fare e da ascoltare. Eravamo partiti come live performers, ma durante il Nursery Cryme Tour ci siamo messi alla prova anche come arrangiatori”. Nello stesso libro, Phil Collins ricorda come quello fosse un periodo curioso, alla ricerca della giusta combinazione dei suoni; Mike e Steve concordano sul fatto che Foxtrot è stato l’inizio della scoperta delle giuste sonorità della band. Per me Can-Utility and the Coastliners è un gioiello quasi nascosto del disco, ma un piccolo capolavoro di cui Steve Hackett, che ne ha composto il testo, va giustamente fiero.

  • E c’è un motivo per cui Horizons Radio si chiama così. E’ l’amore viscerale per questo album bellissimo.

  • E poi Supper’s Ready. Uno dei brani simbolo di tutto il prog passato e presente, l’indiscusso capolavoro per tanti magazine dell’epoca – primo fra tutti AllMusic -, estasiati dalla suite dei Genesis, tutt’oggi di grande modernità. Dal vivo questo brano di 23 minuti prendeva vita anche grazie ai costumi e alle maschere di Peter Gabriel: il fiore, simbolo anche di questa rubrica, il poliedro di Magog, la corona di spine, il vestito bianco e la spada fluorescente del finale. LEGGI QUI PER SAPERNE DI PIU’.

  • Con Foxtrot i Genesis sbarcano per la prima volta negli Stati Uniti. Un arrivo oltreoceano non subito entusiasmante. L’esordio è in un concerto natalizio, pieno di problemi, alla Philharmonic Hall di New York il 13 dicembre 1972, preceduto da un live per pochi studenti alla Brandeis University di Boston due giorni prima. Un’esperienza che viene ripetuta ai primi di marzo, con alcune date in USA e Canada, stavolta con maggior successo.  LEGGI QUI PER SAPERNE DI PIU’.

  • Ma anche se non trionfale, l’approdo negli USA sarà un ottimo traino per i Genesis in Europa e in particolare in patria. La stampa e i media iniziano a occuparsi di loro in maniera più intensa e si moltiplicano le loro “ospitate”. L’apice sarà proprio a Londra, il 9 febbraio 1973, quando i Genesis saranno protagonisti nella Mecca della scena rock: il Rainbow Theatre, primo vero trionfo in Inghilterra. 
  • Per l’occasione Peter Gabriel si porta in camerino un intero baule pieno e indossa per la prima volta sul palco quelli che saranno i suoi famosi costumi e le maschere Sulle note del mellotron di Watcher Of The Skies, Peter esce inaspettatamente per il pubblico e i compagni della band con il vestito nero e le ali da pipistrello sulla testa. Ecco l’effetto che faceva (in un video del tour successivo, ottobre 1973 Live Shepperton Studios):

Fateci sapere perché amate Foxtrot e cosa preferite di questo album scrivendo qui sotto nei commenti o alla pagina dei contatti.


Foxtrot:  i Genesis lo ricordano così:

Per ascoltare e collezionare:

Compra Foxtrot (2008 Digital Remaster) – CLICCA QUI

Compra Foxtrot import (+DVD) (Jpn) – CLICCA QUI

Per approfondire:

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

[siteorigin_widget class=”MailPoet\\Form\\Widget”][/siteorigin_widget]
[siteorigin_widget class=”MailPoet\\Form\\Widget”][/siteorigin_widget]

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE’

Foxtrot 50: tutte le versioni dell’album e dei singoli nell’Angolo del Collezionista

Il 6 ottobre 1972 i Genesis pubblicano l’album “Foxtrot”. Ecco alcune tappe di avvicinamento al compleanno.

[siteorigin_widget class=”GTranslateWidget”][/siteorigin_widget]

L’Angolo del Collezionista di Horizons Genesis in viaggio nella discografia dei Genesis: Foxtrot.

Foxtrot esce il 6 ottobre 1972 e,  sia in Inghilterra che in Italia, è nella nuova  versione Cappellaio Matto della Charisma, disegnato da John Tiennel.  GUARDA SU EBAY LE VERSIONI DA COLLEZIONE DISPONIBILI.

La copertina stavolta è apribile anche in Italia e contiene foto e testi. Eccola:

Elenco delle tracce:
A1 Watcher Of The Skies
A2 Time Table
A3 Get ‘Em Out By Friday
A4 Can-Utility And The Coastliners
B1 Horizons
B2 Supper’s Ready
B2.1 Lover’s Leap
B2.2 The Guaranteed Eternal Sanctuary Man
B2.3 Ikhnaton And Itsacon And Their Band Of Merry Men
B2.4 How Dare I Be So Beautiful?
B2.5 Willow Farm
B2.6 Apocalypse In 8/9 (Co-strarring the delicious talents of Gabble Ratchet)
B2.7 As Sure As Eggs Is Eggs (Aching Men’s Feet)

Nel febbraio 1973 e in esce il singolo estratto dall’album: Watcher Of The Skies / Willow Farm.  Il lato A è una versione di 4 minuti dell’originale. Il lato B è uno dei segmenti di Supper’s Ready

La tiratura è molto bassa e ciò rende il 45 giri raro e di valore.  Ecco le due versioni: inglese e italiana (clicca sulle immagini per collezionare):

Ed ecco le versioni juke box (clicca sulle immagini per collezionare):

QUESTE NON SONO PIU’ DISPONIBILI? Clicca qui per ALTRE RICERCHE DEL DISCO SU EBAY.

Ascolta l’album:

Se hai informazioni da aggiungere o da rettificare e per qualunque altra comunicazione SCRIVI QUI.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Horizons Radio MAIL: CLICCA QUI

Horizons Radio News

[siteorigin_widget class=”MailPoet\\Form\\Widget”][/siteorigin_widget]
[siteorigin_widget class=”MailPoet\\Form\\Widget”][/siteorigin_widget]

Ascolta Genesis & Co.anche su:

Aiuta Horizons Radio




LEGGI PERCHE’